VOG_superbanner mobile_13mag-2giu_2024
Giga_top news_13mag-9giu_2024
Packaging e Tecnologie

Imballaggi in plastica, l’85% dei consumatori è disposto a ridurli

Avatar
Autore Redazione

Il dato emerge dall’indagine Waste Watcher. Il tema planet Vs plastics è al centro della 54esima Giornata mondiale della terra

Ridurre il 60% delle plastiche sul pianeta entro il 2040, sensibilizzando i cittadini del mondo sui danni arrecati dalla plastica alla salute umana, animale e alla biodiversità; eliminare la plastica monouso entro il 2030, investire in tecnologie e materiali innovativi per costruire un mondo senza plastica: questi gli obiettivi della 54esima Giornata mondiale della terra, Earth day 2024 in arrivo lunedì 22 aprile, sul tema planet vs plastics.

“Una giornata e insieme una richiesta pressante per agire subito a salvaguardia della salute di ogni essere vivente sul pianeta non solo per limitare il più possibile l’uso della plastica, ma anche per chiedere iniziative e politiche di sensibilizzazione. Prendere consapevolezza è il primo passo – spiega il direttore scientifico dell’osservatorio Waste watcher international Andrea Segrè, fondatore della campagna Spreco zero – I dati dell’indagine Waste watcher, realizzata su monitoraggio Ipsos ed elaborazione dell’Università di Bologna/Distal, segnalano che In Italia oltre otto cittadini su dieci, l’85%, sono disposti a ridurre l’acquisto di prodotti con packaging plastico, malgrado il consumatore italiano riconosca al packaging un’importante funzione per la conservazione del cibo e quindi per la prevenzione e riduzione degli sprechi. E quasi un terzo dei consumatori italiani è disposto a rinunciare all’acquisto di un prodotto di cui ha bisogno, qualora fosse contenuto in un packaging non riciclabile. Sempre secondo Waste watcher, quasi il 75% dei consumatori nella scelta di un prodotto considera la tipologia dell’imballaggio e l’impatto che quest’ultimo ha sull’ambiente grazie alla sua potenziale riciclabilità. Un piccolo passo avanti nella sensibilità diffusa sul tema delle plastiche, anche se molto resta da fare”.

Planet vs plastics ci ricorda che non c’è un’altra terra: dalla prima edizione della Giornata mondiale, il 22 aprile 1970, il nostro pianeta non ha certo migliorato il suo stato di salute. Fra meno di 30 anni, ai ritmi attuali, negli oceani ci sarà il quadruplo della plastica e uno degli hotspot globali per le microplastiche è il Mediterraneo. Nelle sue acque si trova la più alta concentrazione di microplastiche mai misurata nelle profondità di un ambiente marino, ben 1,9 milioni di frammenti per metro quadrato, secondo l’ultimo rapporto Wwf. Ogni anno il Mare nostrum ingurgita 229mila tonnellate di rifiuti di plastica, come se ogni giorno 500 container scaricassero in acqua il proprio contenuto. Di queste, ben il 15% arriva dall’Italia.

Se i mari del pianeta sono invasi dalle plastiche, non sta meglio la superficie agricola utilizzata (sau), quella su cui si producono gli alimenti: la perdita di terreni coltivati determina un deterioramento degli ecosistemi, che porta a dissesti ambientali e sociali. Waste Watcher international ha calcolato quanti terreni coltivabili stanno producendo rifiuti alimentari domestici: in Italia lo spreco medio pro capite pari in Italia a 566.3 grammi secondo le rilevazioni del “caso Italia” waste watcher (febbraio 2024),  lo spreco alimentare nazionale vanifica e brucia il raccolto di una superficie agricola utilizzata (sau) pari a 1,643 milioni di ettari e quindi quasi come l’estensione agricola di Belgio + Slovenia (1,833 milioni di ettari).

La Giornata della Terra è ora riconosciuta come il più grande evento civico del pianeta ogni anno.
Lunedì 22 aprile c’è un gesto immediato ed efficace che tutti possiamo fare: scaricare la app Sprecometro, messa a punto dalla campagna Spreco zero con l’Università di Bologna, e misurare la nostra impronta ambientale: calcolando l’impatto economico e l’impronta idrica del nostro spreco alimentare, ma anche l’impronta carbonica. Nel marzo 2024, l’impronta carbonica generata dallo spreco di 14.282 utenti della app Sprecometro è stata pari a 243.134 chilogrammi di CO2 equivalente, che corrispondono a 2.024.977  chilometri di auto. È come se si facesse 50 volte il giro della terra!

Fonte: Waste Watcher

(Visited 59 times, 1 visits today)
superbanner