VOG_superbanner mobile_13mag-2giu_2024
Giga_top news_13mag-9giu_2024
Politiche agricole

In Sardegna debutta Satta, nuovo assessore all’Agricoltura

Avatar
Autore Redazione

Obiettivi: “Le agenzie Agris, Laore e Argea come attualmente strutturate faticano sulle problematiche generate dalle nuove dinamiche”

L’assessore regionale dell’Agricoltura e riforma agro pastorale, Gian Franco Satta, ha incontrato a Cagliari i rappresentanti delle associazioni di categoria del comparto agricolo. Si tratta di un primo appuntamento di ascolto e confronto tra l’assessorato e le associazioni per trovare soluzioni alle criticità, cercare le opportunità per valorizzare le eccellenze e creare interazioni positive e propositive.

“Il futuro dell’agricoltura – ha sottolineato l’assessore – non può essere costruito su emergenze affrontate in apnea. Serve una visione concreta, condivisa e lungimirante. E’ necessaria una legge quadro che abbia l’agricoltura e i suoi attori al centro“. La semplificazione burocratica, l’intervento sui ritardi nei pagamenti e la riforma delle agenzie regionali sono punti all’ordine del giorno in agenda.

Evitare il ritardo nei pagamenti

“Il settore agricolo – ha precisato l’esponente dell’esecutivo – è uno dei fondamentali pilastri dell’economia sarda, ma fa i conti in maniera ormai cronica con il problema, sistemico, del ritardo nei pagamenti, direttamente impattante sulle economie agricole al presente e in prospettiva futura, investimenti e innovazione.

Senza liquidità non si cresce: serve garantire tempestività nelle liquidazioni, serve dare seguito ad un diritto in capo agli imprenditori agricoli, serve agire in maniera decisa per alimentare lo sviluppo del settore e preservarne la salute. Senza dimenticare le difficoltà di accesso al credito – in primis per le aziende agricole di piccola dimensione – che comporta una ulteriore drastica riduzione della capacità di investire. L’amministrazione deve affrontare la questione con approccio strategico e coordinato, confrontandosi con tutte le parti del sistema agricolo e burocratico”.

Riorganizzare le agenzie regionali

Parola d’ordine, riorganizzazione. “Dal 2006, anno in cui la Regione ha istituito le agenzie Agris, Laore e Argea, il comparto ha subito trasformazioni profonde a livello globale e locale. Cambiamenti climatici, avanzamenti tecnologici, nuove normative nazionali ed europee, evoluzione delle esigenze del mercato – ha spiegato Satta – sono fattori che hanno radicalmente modificato il mondo agricolo. Le evidenze mostrano che le agenzie, come attualmente strutturate, faticano ad affrontare le problematiche generate dalle nuove dinamiche. È indispensabile che le Istituzioni siano capaci di gestire questa crescente complessità, affrontandole in maniera più integrata e coordinata, attraverso – auspicabile e necessaria – la riorganizzazione complessiva e ben pianificata delle strutture, a partire dalla valorizzazione di professionalità e competenze”.

La Pac: “Ci ha penalizzato”

Riapertura tavolo Pac  2023-2027. Ecco cosa sottolinea l’assessore: “L’Europa ha deciso di offrire un sostegno più mirato alle aziende agricole di piccole dimensioni consentendo agli Stati membri maggiore flessibilità nell’adattare le misure alle condizioni locali. In Sardegna il sistema produttivo agro-pastorale – ha proseguito l’assessore – è allineato agli standard europei, per qualità dei prodotti e rispetto dell’ambiente. Ma l’entrata in vigore della nuova Pac ci ha pesantemente penalizzato. C’è stata una forte perdita di risorse disponibili rispetto al passato – in termini assoluti e relativi – con il passaggio dal quarto al settimo posto tra le regioni d’Italia. Diverse quindi le questioni aperte e – ha concluso Satta – occorre istituire tempestivamente un tavolo nazionale per ridiscutere le tante criticità registrate”.

Fonte: Regione Sardegna

(Visited 39 times, 1 visits today)
superbanner