Donnalucata_ Topnews_ 20-27set
Trend e Mercati

Agricoltura: +30% dei costi, a rischio la competitività delle imprese

Avatar
Autore Redazione

Nell’ultimo anno il prezzo medio di un container ha segnato +400%. In aumento anche la spesa per l’energia

Aumenti fino al 30% in più dei costi di produzione a causa di una congiuntura caratterizzata dall’incremento dei prezzi delle materie prime, delle commodities energetiche, delle difficoltà di approvvigionamento dei materiali come imballaggi, tappi, capsule, pallets, alluminio e di alcuni mezzi tecnici di produzione. Una situazione che fa crescere di giorno in giorno le preoccupazioni del sistema agroalimentare cooperativo, che con le sue 5mila imprese associate, fattura il 25% di tutto il valore del comparto agroalimentare.

“Si tratta di incrementi che impattano in maniera sostanziale sulla tenuta della competitività e dei costi delle imprese – spiega Giorgio Mercuri, presidente di Alleanza cooperative agroalimentari – Stiamo vivendo una situazione già messa a dura prova dalla crisi legata all’emergenza pandemica nonché dai danni arrecati dalle avversità meteorologiche che hanno pesantemente colpito alcune areali produttivi e che ora rischia di provocare ulteriori pesanti effetti sui margini e sul posizionamento commerciale, compromettendo la sostenibilità economica delle nostre filiere”.

Il contesto risulta peraltro aggravato dal forte aumento dei costi dei noli marittimi nonché della carenza e dal rincaro che ha riguardato anche i container trasportati via nave che, sulla base dei dati commerciali delle Nazioni Unite, vengono attualmente utilizzati per spostare il 60% delle merci globali. Secondo il Global index Frightos, importante indice internazionale del tasso di nolo, il costo medio di un container al 30 luglio è pari a 8.848 dollari, quotazione che registra su base annua un forte incremento pari a 400%.

“La situazione causa inesorabilmente un freno all’export dei nostri prodotti – ha proseguito Mercuri – e riguarda in particolare i trasporti verso il Nord America ed i mercati d’Oriente, senza contare che i maggiori costi delle materie prime e dei trasporti, oltre al ritardo nelle consegne, avranno un impatto negativo anche sui prezzi di vendita”.

“Si tratta di una questione globale e orizzontale, certamente di non facile soluzione – conclude Mercuri – Auspichiamo che il Governo possa farsi parte attiva, anche costituendo una specifica task force, per tentare di individuare gli strumenti e le migliori modalità per dare una risposta alle criticità dell’agroalimentare, sollecitando anche un maggior livello di sinergia tra gli operatori con l’obiettivo di ridurre i costi e di garantire una condizione di equilibrio all’interno delle filiere”.

Fonte: Alleanza Cooperative Agroalimentari

(Visited 54 times, 1 visits today)
superbanner