vog_topnews_07set-02nov
Packaging e Tecnologie

Tomato Vision, il futuro che ci aspetta

La serra hi-tech inaugurata da Syngenta nei Paesi Bassi è dotata di tecnologia Hololens per guardare “da vicino” l’innovazione dei pomodori

“Improve, inspire, connect”. Parte tutto da qui. Migliorare, ispirare e connettere sono le parole chiave che Syngenta ha messo al centro del  Tomato Vision. E c’è un perché.
La serra hi tech, inaugurata oggi con un appuntamento online, ha sede a Maasland, nei Paesi Bassi, e può essere considerata di diritto una grande piattaforma tecnologica concepita per essere un luogo di incontro tra il mondo della ricerca e quello della vendita, tra produttori e operatori della filiera del pomodoro di tutto il mondo. Operatori che potranno così confrontarsi e scambiarsi esperienze – fare networking, insomma –  ma anche studiare soluzioni e prodotti più idonee ai vari mercati.

Alla base c’è la tecnologia Hololens, che permette di vivere una esperienza virtuale senza limiti. Grazie a Hololens, infatti, l’accesso alle produzioni ma anche ai dati e alle info di mercato saranno possibili anche a chilometri di distanza e in tempo reale. Una struttura R&D e marketing all’avanguardia distribuita su 14mila metri quadrati di serra high-tech nella quale sono testati e selezionati 800 nuovi ibridi innovativi in base a specifiche esigenze di mercato, con l’ausilio di tecnologie di breeding ultramoderne e con l’esclusivo utilizzo di metodi di selezione tradizionali. La serra è stata progettata per riprodurre le condizioni reali di coltivazione, con diversi ambienti per la coltivazione con e senza luce artificiale e con il massimo controllo degli aspetti climatici.

Seychelles, una delle varietà del catalogo italiano presente nella serra vetrina olandese

In più, un settore di 1.500 metri quadrati è aperto ai visitatori per offrire una panoramica esclusiva sulle novità in arrivo e per approfondire l’offerta completa Syngenta attualmente disponibile.  Per Ruud Kaagman, global tomato crop unit head di Syngenta, l’obiettivo è chiaro: “Vogliamo introdurre varietà che soddisfino concretamente le esigenze degli agricoltori e della filiera. Tomato Vision ci permette di creare una connessione diretta tra i nostri genetisti e il mercato, consentendoci così di offrire le varietà più adatte e rispondenti ai bisogni dei nostri interlocutori”. Migliorare, ispirare, connettere.

Tomato Vision offre al visitatore l’opportunità di compiere un viaggio a tutto tondo dalle nuove idee varietali ai pomodori già presenti sulle nostre tavole, facilitando la comprensione della gamma e dei programmi di breeding Syngenta, consentendo agli agricoltori e ai partner della filiera di scambiare conoscenze, idee e aspettative. Un’occasione per indirizzare la selezione del pomodoro del futuro, incoraggiare la collaborazione tra le parti e, in generale, migliorare il comparto del pomodoro.

Attualmente Syngenta sviluppa a livello mondiale oltre 50 nuove varietà Agh (Active green house, ovvero serra tecnologica) adatte alle specifiche esigenze dei produttori e alle filiere di oltre 25 mercati. Tra le varietà disponibili per il mercato italiano presenti nella serra olandese ci sono Angelle, Seychelle e Tahiti.

(Visited 119 times, 1 visits today)