Noberasco_superbanner mobile_19-25feb_2024
Ingrosso

Ingrosso piccoli frutti: è tempo (buono) per fragole e lamponi lucani

Quotazioni sostenute per i prodotti della Basilicata. Il punto con Federico Fapanni, responsabile vendite Ortobergamo

Italia sempre più presente sui mercati all’ingrosso con i piccoli frutti e poi la conferma delle fragole nazionali che riescono a stare sul mercato per 12 mesi. Dal sud e in particolare dalla Basilicata arrivano lamponi e more che spuntano prezzi abbondantemente sopra i 20 euro. Anche le fragole lucane si vendono a prezzi alti fino a 26 euro la cassetta da due 2 kg con un prezzo dagli 11 ai 13 euro il chilo. Le quotazioni medie delle fragole siciliane sono sui 8/10 euro il kg.

Lamponi è tempo di Basilicata, il punto con Federico Fapanni di Ortobergamo

Federico Fapanni, responsabile vendite Ortobergamo , opera nel centro agroalimentare della città lombarda e offre a myfruit.it le dinamiche di mercato sui piccoli frutti e le fragole.  “In questo periodo tratto more e lamponi dalla Basilicata. Buona qualità e varietà resistenti che permettono, grazie ad una lunga shelf life,  una buona vendita e quotazioni interessanti. Abbiamo iniziato da novembre e nell’ultima settimana con le fragole della varietà Marimbella. Questa è molto precoce, apre la campagna lucana che arriva fino ad agosto. Dominano per croccantezza, gusto e durata. Prima per le prime fragole si aspettava San Valentino”.

Fapanni Federico responsabile vendite Ortobergamo.

“Le fragole siciliane hanno presentato delle criticità, esclusi coloro che hanno investito su nuove varietà”. I prezzi? “La lucana quota dai 22 ai 26 euro per la confezione da 2 chili. A inizio settimana il prezzo è più basso,  sale verso il fine settimana. Il prodotto di Sicilia e Campania quota invece dai 15 ai 18 euro. Sulle varietà c’è la nuova Savana. Per quanto riguarda il prezzo dei lamponi siamo sui 23/25 euro il collo composta da 8 vaschette da 125 grammi. Prezzo simile per le more che rispetto al passato hanno migliorato notevolmente la qualità”.

Lamponi lucani e portoghesi sui 20 euro il kg

Il prodotto lucano presenta quotazioni sostenute ovvero intorno e sopra i 20 euro il kg. Nel dettaglio i prezzi dei grossisti verso gli operatori del dettaglio nei mercati all’ingrosso: Verona (19/22 euro il kg), Firenze (18), Bologna (19/23), Bergamo (21/24), Torino (20/22), Roma (18/22), Napoli (19/20). Prezzi simili per il prodotto portoghese: Verona (19/21), Torino (20/22), Napoli (19/20 euro/kg).

More tra Italia, Portogallo e Messico e ribes italiano sotto i 20 euro

L’offerta registra sia il prodotto messicano e portoghese d’importazione, sia quello del sud Italia con quotazioni superiori ai 20 euro il chilo. Ecco i prezzi in alcuni siti origine Messico: Verona (21), Firenze (20), Bologna (22), Torino (21), Roma (20), Napoli (20). A Milano l’origine portoghese tra 20 e 23 euro il chilo. Le more italiane possono raggiungere i 24 euro il kg, come a Cesena.

Domina l’offerta di prodotto italiano con quotazioni sotto i 20 euro il kg. Più in dettaglio: Verona (16), Firenze (15), Bologna (16), Torino (18), Roma (16), Milano (18 euro/kg).

Mirtilli peruviani dai 15 ai 20 euro, fragole Campania, Sicilia e Basilicata dai 5 agli 11 euro

C’è prevalenza di prodotto peruviano nei mercati all’ingrosso. Queste le quotazioni nei diversi mercati: Verona (17,50), Firenze (17), Bologna (20), Bergamo (23), Torino (16,50), Roma (19).

Dopo le fragole veronesi tra ottobre e novembre da settimane ci sono le fragole siciliane e delle altre regioni del sud. Le quotazioni vedono una forbice dai 6 ai 12  euro il kg con il prodotto lucano con prezzo più alto  mentre quello siciliano registra quotazioni minori. I prezzi: Verona (7 euro il kg), Rimini (10/12), Padova (7,50/9), Firenze (7/10), Cesena (10/12).

(Visited 245 times, 1 visits today)
superbanner