Fruttivendoli e non solo

Italmercati. Dialogo con Coldiretti su legalità ortofrutta

Italmercati
Redazione
Autore Redazione

Dopo l’ultima riunione del Comitato di gestione, molti i punti all’ordine del giorno. Dialogo con Coldiretti sul tema della legalità nella filiera ortofrutticola

Si è riunito a Roma il Comitato di gestione di Italmercati, per l’ultima volta ristretto ai cinque soci fondatori (Roma, Milano, Torino, Firenze e Napoli): il prossimo, infatti, dopo la delibera ufficiale, vedrà l’entrata anche del Centro Agroalimentare di Bologna CAAB, dopo quella di Veronamercato. Secondo il presidente Fabio Massimo Pallottini ,d’ora in poi la nuova rete d’Imprese diventerà “un punto di riferimento imprescindibile per le politiche di settore e per la filiera a livello nazionale”. Sono previste novità già a partire dalla prossima edizione di Fruit Logistica in programma a Berlino a partire dal 4 febbraio.

Intanto, il Comitato di gestione ha approvato il closing del Bando per l’Energia, la gara per la fornitura di energia elettrica promossa dalla Rete, che, nel 2016, permetterà ai Mercati aderenti all’iniziativa (in questo caso Roma, Milano e Firenze) un risparmio di 250 mila euro.

Infine, Italmercati comunica che dopo un recente incontro tra il presidente Pallottini e il presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo, è in fase di discussione un protocollo sulla legalità nella filiera dell’ortofrutta. “Ci stiamo lavorando – afferma Pallottini in una nota – perché riteniamo che ognuno sia chiamato a fare la sua parte sul piano della sicurezza e della legalità ma che sia ancora più importante trovare accordi lungo la filiera per il rispetto comune delle regole. Questo è un terreno su cui ci siamo trovati in perfetta sintonia con il presidente Moncalvo e credo possiamo trovare la formula per fare non solo qualcosa di doveroso sul piano concettuale ma di utile a vantaggio di due componenti fondamentali della filiera”. L’argomento tornerà dunque presto all’ordine del giorno del Comitato di gestione.

Scrivi un Commento