X-Farm_topnewsgenerale_22nov-12dic
Reparto Ortofrutta

Mirtilli sfusi? Banco Fresco ci prova

Nei negozi dell’insegna specializzata nel fresco e freschissimo un’innovativa modalità di vendita dei piccoli frutti blu

Quattro referenze di fragole, una di lamponi, una di more, i lemon snack posizionati appena dopo e, infine, i mirtilli. Un assortimento nella norma, diciamo, quello dei berries in mostra nel nuovo punto di vendita Banco Fresco, inaugurato a Crema lo scorso mercoledì.

Molte le referenze estere, anzi, la maggior parte –  a parte i cestini di fragole Candonga della Basilicata e i limequat di Op Ancona, tutto il resto proveniva da Spagna, Francia e soprattutto Marocco – ma quello che senza dubbio attirava l’attenzione di un po’ tutti, a partire dai clienti, erano i mirtilli. Il motivo? Sono venduti anche sfusi, posizionati in due spazi abbastanza grandi, uno dei quali in testata di corsia.

Per prenderli e riporli nei classici sacchetti del reparto ortofrutta è presente un maneggevole cono di plastica rosso. Prezzo: 12,80 il chilo. Una novità, probabilmente un unicum perché, finora, non si è mai vista una proposta di questo tipo nei reparti ortofrutta della grande distribuzione. Un’estremizzazione, verrebbe da dire, della filosofia che anima l’esposizione dell’assortimento di frutta e verdura di Banco Fresco, che ha nello sfuso proprio uno dei suoi aspetti più distintivi, nel tentativo di ridurre il più possibile l’utilizzo di packaging.

Funziona? Sì, secondo quanto ha detto a myfruit.it il direttore generale Roberto Coppa, presente all’inaugurazione del primo punto di vendita lombardo. D’altronde questo tipo di esposizione è già presente anche negli altri due store del Torinese. L’effetto scenico è notevole, e dona un tocco davvero interessante al reparto: quasi impossibile non essere attirati da questa vera e propria cascata di piccoli frutti blu violacei che produce l’irrefrenabile desiderio di riempirne un sacchetto.

Da evidenziare, poi, come l’alternativa allo sfuso – almeno in questo momento e in questo punto di vendita – sia rappresentata solo dalle cassette da un chilo, al prezzo questa volta di 9,80 euro. Stop. Considerando che nella Gdo italiana è dominante la confezione da 125 grammi (che copre circa l’80% dell’offerta di mirtilli), osservare questa modalità di vendita ed esposizione non lascia indifferenti. Servirà ad aumentare anche i consumi di un prodotto che altrove, si pensi al Regno Unito, insieme a more e lamponi vende quasi quanto tutte le mele?

Ne parleremo anche il prossimo 10 giugno al webinar di myfruit.TV “Berry trend. Il futuro della categoria più accelerativa del reparto“, realizzato in collaborazione con Italian Berry.

(Visited 424 times, 1 visits today)