Sorma_ topnews_11ot- 7nov
Prodotti

RedNoir, Basf presenta il nuovo pomodoro club

A Fruit Attraction anche il melone Sunup, la lattuga e gli spinaci. Solera: “Con la pandemia l’innovazione non si è fermata”

Si chiama RedNoir ed è il pomodoro club presentato oggi a Fruit Attraction da Francisco Solera, responsabile vendite Iberia country di Basf. Ma non si tratta dell’unica novità allo stand di Madrid della multinazionale: la kermesse spagnola è stata anche l’occasione per presentare il melone Sunup e la nuova strategia per lattughe e spinaci.

RedNoir: tondo, nero e senza succo

Il pomodoro RedNoir è stato sviluppato in Almeria con l’azienda Unica, ma l’obiettivo è diffonderlo in altri mercati con diversi produttori: “Si tratta di un prodotto con una serie di caratteristiche distintive sia nell’aspetto esteriore, sia nelle proprietà organolettiche” ha sottolineato Solera.

All’esterno RedNoir presenta buccia nera, forma tonda, quasi sferica, e una pezzatura compresa tra 70-90 grammi. All’interno non presenta succo: “Ha un alto contenuto di nutrienti, è una fonte naturale di antiossidanti – ha precisato il manager richiamando l’alta concentrazione di licopene, antociani e vitamina C – E, soprattutto, si distingue per il sapore umami“.

Le altre proposte

In quello che Solera ha definito “l’anno più difficile”, l’innovazione non si è comunque fermata in casa Basf. Tanto che, accanto al pomodoro RedNoir, a Madrid sono stati presentati altri prodotti innovativi come il melone Sunup, la lattuga, le angurie, i cetrioli (in particolare Q-verde), i carciofi (in particolare Green Queen) e gli spinaci, per i quali dispone di un ampio portafoglio di varietà resistenti a tutti i ceppi di peronospora. In particolare, per lattuga e spinaci, Basf ha annunciato la sua nuova strategia di consulenza per aiutare gli agricoltori a decidere quale varietà si adatta meglio all’azienda a seconda del tipo di terreno: “Il nostro obiettivo è offrire loro la varietà più appropriata tenendo sempre presenti le esigenze specifiche e i fattori che caratterizzano la coltura” ha concluso Solera.

(Visited 106 times, 2 visits today)