Il punto di Fruchthandel

17 aprile 2024

Il futuro dovrebbe valere di più per noi

167

“Aumentare in modo sostenibile il consumo di frutta e verdura è un compito generazionale. Nonostante tutte le elaborate strategie nutrizionali, si fa ancora troppo poco in questo senso”. Così Michael Schotten nel suo ultimo editoriale sul magazine Fruchthandel.

Avete mangiato più di un uovo durante le vacanze di Pasqua? Allora probabilmente siete tra i milioni di persone che hanno fatto lo stesso, ma – ricorda Schotten – secondo le raccomandazioni dietetiche riviste della Società tedesca di nutrizione (DGE), siete settimane indietro rispetto a ciò che l’organizzazione considera equilibrato e corretto.

Vale a dire, consumare un solo uovo la settimana. Non tanto per motivi di salute, visto che il colesterolo non è più considerato in modo così critico dal punto di vista nutrizionale come un tempo. Ma anche per vivere in modo più sostenibile e proteggere l’ambiente. Si tratta di fattori che oggi sono molto più presenti nelle raccomandazioni della DGE.

Già prima delle festività – e a causa di aspre critiche da parte di chi si sentiva vittima di bullismo sui social media – la DGE si è affrettato a chiarire che questa quantità può ovviamente essere superata a volte. Ad esempio, chi mangia meno carne e più alimenti vegetali può concedersi un uovo più spesso.

Anche l’industria della carne non è divertita dal fatto che le raccomandazioni della DGE contengano improvvisamente tanti aspetti positivi sui prodotti a base vegetale. Non c’è da stupirsi, visto che la carne è stata “razionata” a meno di 300 grammi a settimana dalla DGE. Solo un anno fa si parlava di 300-600 grammi. Anche il latte e i latticini sono stati ridotti di una porzione.

Il settore ortofrutticolo non ha motivo di lamentarsi a questo proposito. I suoi prodotti sono ora raccomandati in modo meno differenziato, ma con maggiore enfasi. Secondo la DGE, dovrebbe trattarsi di una “selezione colorata”. L’importante, però, è “che la gente in Germania ne mangi di più”, dicono.

È noto che le raccomandazioni della DGE non siano l’uovo di Colombo, ma mirino solo a fornire indicazioni generali e tendono quindi a essere troppo approssimative per descrivere i singoli casi. Tuttavia, riflettono le tendenze generali della società, come il boom dei prodotti a base vegetale. Purtroppo, il consumo di frutta e verdura in Germania continua a diminuire lo stesso.

Con meno di 300 grammi, siamo anche ben al di sotto dei famosi 400 grammi raccomandati dall’Omc, osserva Schotten. Come possiamo realizzare la necessaria inversione di tendenza? Il problema si risolverà da solo quando i portafogli torneranno a riempirsi meglio? Forse in parte, ma sarebbe un errore basarsi solo su questo. L’inflazione continua a scendere, ma di recente anche le aspettative economiche dei principali istituti economici, che prevedono solo una mini-crescita per il 2024, sono tornate a scendere. Non c’è dubbio che le condizioni economiche e politiche debbano essere giuste perché i consumatori tornino a mangiare di più. Tuttavia, aumentare in modo sostenibile il consumo di frutta e verdura è senza dubbio un compito generazionale.

Nonostante tutte le grandiose strategie nutrizionali, si fa ancora troppo poco in questo senso. Questo vale non solo per Berlino, ma anche per Bruxelles. Il fatto che per i programmi di frutta e verdura nelle scuole dell’Ue siano disponibili 126,5 milioni (anno scolastico 2023/24: 130,6 milioni) per 27 Stati membri è semplicemente troppo poco rispetto agli enormi compiti da svolgere – e sullo sfondo degli incombenti costi sanitari. Il futuro dovrebbe valere di più per noi.

Fonte: Fruchthandel Magazin

Potrebbe interessarti anche