VOG_TopNewsgenerale_21nov-18dic

Melinda in versione natalizia da Harrods

Paola Zanella annuncia innovative strategie di marketing per la prossima stagione

Melinda nel «tempio» di Al Fayed. Nei magazzini Harrods
speciali mele natalizie. Per i clienti londinesi, mele con le stelle e le candele. Mondomelinda verso il bis?

di ANDREA BERGAMO
VALLI DEL NOCE – «Non basta produrre, è importante anche farlo conoscere».
Le parole di Paola Zanella, nell´ambito di «Emozioni da vivere a Castel Nanno», nella serata di martedì dedicata all´arte di comunicare hanno illustrato le strategie di Melinda per promuovere il proprio prodotto dal 1989 ai giorni nostri, assieme ai colleghi Katia Bonicelli, Andrea Fedrizzi e Roberto Moraro. Zanella è la responsabile del marketing presso la sede di Cles.
«I risultati di questi giorni dell´ultima ricerca condotta da Abacus sono più che soddisfacenti per l´azienda – afferma – infatti l´efficacia della campagna pubblicitaria è ottima (viene ricordata dal 98% dei 600 intervistati in Italia), e sembrano essere apprezzati dal pubblico in particolare la simpatia del cagnolino e la semplicità della ragazza». Il riferimento è allo spot ormai celebre diffuso sulle tivù. «Da questi elementi nasce l´idea di girare la seconda puntata – continua Zanella – e lanciare un messaggio di marchio a ombrello per “Melinda juice e snack”. Si pensa inoltre di estendere il marchio ad altra frutta».
La responsabile del marketing annuncia che a fine agosto Melinda dovrebbe assicurarsi la Dop (denominazione di origine protetta). (…)

per la notizia completa: http://www.ladige.it/articoloHtml.asp?IDNotizia=302395In quel periodo scadono i 6 mesi nei quali all´interno dell´Ue si possono presentare ricorsi. Se l´operazione Dop andrà in porto, vi saranno investimenti seri da fare, come campagna di prodotto, territorio, base sociale e filiera di produzione. Si prediligeranno stampa e radio rispetto alla televisione. In questo modo, il prossimo potrebbe diventare l´anno della Val di Non, magari coinvolgendo un personaggio dello spettacolo in linea col territorio (Licia Colò?). «Pensiamo di esporre nei magazzini Harrods di Londra, “chicche” come le mele con le stelle o le candele (i soci in questo periodo stanno applicando piccoli adesivi sulle mele perché rimanga il segno del sole). Saranno confezioni di un certo pregio (le mele verranno pagate 50 centesimi al chilo in più della media), che i clienti di Harrods apprezzeranno sicuramente». «Per quanto riguarda Mondomelinda ci troviamo ad un bivio – illustra Zanella – in quanto stiamo cercando di trarre maggior profitto da questo centro. Si pensa o di ingrandire la struttura oppure, siccome la posizione non è strategica a livello turistico, di aprire i battenti di un nuovo Mondomelinda». Nuove opportunità di co-marketing? Zanella preferisce non esporsi, si limita a dire che esistono tre alternative. Sembrerebbe comunque sfumare l´alleanza con Mc Donald´s, che voleva uscire dal canale tradizionale dei panini e produrre prodotti tipici locali, mentre pare prenda piede quella con Bauli, che vuole produrre merendine alla mela. «Abbiamo molte iniziative per l´avvenire – conclude la direttrice del marketing – e non si farà nulla di uguale all´anno scorso: in quanto leader, il consorzio Melinda è regolarmente copiato dalla concorrenza. Non è facile».

Andrea Bergamo- Valli del Noce

(Visited 43 times, 1 visits today)