superbanner mobile
VOG_TopNewsgenerale_21nov-18dic

Spagna, +250% i costi di lavorazione agrumi

Resi noti i risultati di uno studio sui costi della mano d’opera dell’Istituto Valenciano di Ricerca Agraria

Non può, o non vuole pagare?
Quale paese europeo tarda di più a pagare? I risultati di uno studio D&B

Secondo un recente studio condotto da D&B, è peggiorata notevolmente in tutta Europa l’abitudine di pagare puntualmente i propri fornitori, soprattutto in Germania, che da sette anni detiene il record peggiore. Il record migliore, invece, appartiene a Francia e Regno Unito, che registrano qualche miglioramento. Un’azienda europea su dieci paga i propri fornitori a più di 30 giorni dai termini stabiliti – e la situazione va sempre più peggiorando.

Lo studio condotto da D&B ha preso in esame più di 1,9 milioni di aziende in 9 mercati europei. Emerge che in Germania, dove nell’ultimo trimestre del 2002 l’8,6% delle aziende ha oltrepassato i termini di pagamento, l’abitudine di pagare per tempo si sta velocemente perdendo e la proporzione di aziende che paga in ritardo ha raggiunto il livello massimo degli ultimi sette anni.

Il dato relativo alle aziende belghe (di cui il 18,3% paga oltre i 30 giorni
stabiliti) è notevolmente peggiorato nel corso del 2002, rispetto al 12,4%, dell’anno precedente. Una situazione ancora peggiore si presenta in Portogallo (24,5%) e Irlanda (15,8%).

L’unico paese che mostra sostanziali miglioramenti per quanto riguarda la puntalità nei pagamenti è il Regno Unito dove il numero di aziende che pagano oltre i 30 giorni stabiliti (7,2%) ha raggiunto il livello minimo storico. Nonostante la posizione della Francia (11,1%) sia migliorata di anno in anno, il dato relativo ai ritardi nei pagamenti rimane comunque relativamente alto anche lì.

(Visited 9 times, 1 visits today)
superbanner