Pink Lady_top news_10-23giu_2024
In primo piano

Miglioramento genetico: “L’Ue acceleri sul nuovo quadro normativo”

Avatar
Autore Redazione

E’ la richiesta di Alleanza Cooperative Agroalimentari dopo la pronuncia della Corte di giustizia sulle nuove biotecnologie

“La pronuncia della Corte di giustizia europea è un buon segnale di apertura che ci fa auspicare che si pervenga presto a un cambiamento dell’attuale legislazione comunitaria in materia di nuove tecniche per il migliorametno genetico delle piante”. Così il coordinatore ortofrutticolo di Alleanza Cooperative Agroalimentari Davide Vernocchi commenta la sentenza della Corte europea di Giustizia, resa nota in questi giorni, che ha stabilito che una pianta ottenuta con la mutazione naturale del genoma in vitro e senza alcuna aggiunta di Dna estraneo alla specie, non deve sottostare alla legislazione europea sugli Ogm del 2022. Il pronunciamento della Corte di giustizia Ue è avvenuto su richiesta del Consiglio di stato francese in seguito ad un ricorso presentato dalla ong Confederation Paysanne.

“Il tema delle innovazioni genetiche sta assumendo un’importanza vitale per i produttori europei – spiega Vernocchi – Per fronteggiare gli effetti dei cambiamenti climatici che mettono a rischio molte produzioni ortofrutticole sempre più minacciate da nuove patologie causate da insetti patogeni e nuovi organismi nocivi che entrano nella Ue grazie alle importazioni dai Paesi Terzi è indispensabile che l’Europa appronti al più presto proposte legislative che ci autorizzino a far ricorso a nuove tecniche come il genome editing e la cisgnesi”.

“Per poter raggiungere gli obiettivi fissati dal Green Deal europeo che vanno in direzione di un’agricoltura europea sempre più sostenibile – conclude – è indispensabile che l’Europa riveda il quadro normativo sulle nuove biotecnologie, chiarendo quali debbano essere considerate ogm e quali siano invece da introdurre come tecniche ammissibili”.  

Fonte: Alleanza Cooperative Agroalimentari

(Visited 104 times, 1 visits today)