PanoramaWobinar_TopNews
Aziende

Un futuro migliore per lavoratori migranti in Repubblica Dominicana

Redazione
Autore Redazione

Importante iniziativa di Fairtrade per risolvere il problema dei braccianti haitiani che lavorano nel settore delle banane

Migliaia di migranti senza documenti che lavorano nelle aziende agricole e nelle piantagioni della Repubblica Dominicana possono guardare a un futuro più luminoso grazie alla nuova iniziativa guidata da Fairtrade.

Grazie all’unione tra Fairtrade, sindacati, produttori di banane e gruppi della società civile è stato elaborato un percorso che renderà possibile la legalizzazione dei lavoratori migranti nelle organizzazioni certificate Fairtrade e l’accesso agli stessi diritti di cui godono gli altri loro colleghi dominicani.

“È la prima volta che riusciamo a mettere a sistema produttori, lavoratori e mercati in un modo trasparente e responsabile per trovare una soluzione sostenibile ma nello stesso tempo flessibile nel migliore interesse di popolazioni vulnerabili – dice Marike de Peña, che gestisce una cooperativa certificata Fairtrade di coltivatori di banane ed è presidente del Network nazionale Fairtrade nel paese – La situazione dei migranti in Repubblica Dominicana è stato un problema di difficile soluzione per più di un secolo ma ci sono opportunità di miglioramento”.

Un prodotto troppo importante

Le banane sono il primo prodotto da esportazione per la Repubblica Dominicana con un valore di 262 milioni di dollari nel 2018 – il 60-70 per cento dei quali erano Fairtrade. Ma la storia è diversa nella vicina Haiti, la più povera nazione delle Americhe. Spinti dalla povertà e dai disordini politici, gli haitiani senza documenti di identificazione o visto hanno attraversato illegalmente il confine in cerca di lavoro per molti decenni.
Nonostante gli sforzi del governo della Dominicana per regolarizzare questi lavoratori migranti senza documenti, molti continuano a entrare e a rimanere, lavorando in settori economici con bassi salari, impieghi discontinui e trovando difficoltà nell’accedere alla sicurezza sociale e a schemi pensionistici.
Il processo attuale di regolarizzazione è lungo e costoso e i permessi sono solo validi per un anno facendo sì che il sistema sia insostenibile per l’alto turnover dei migranti che storicamente passano da un settore all’altro e ritornano nelle loro case e famiglie nel paese d’origine.

“La nostra preoccupazione come lavoratori haitiani migranti che vivono in Repubblica Dominicana è il rinnovo dei documenti che abbiamo ricevuto attraverso il piano di regolarizzazione. Ora la maggior parte di noi ha documenti scaduti che rendono difficili gli spostamenti nel paese e far valere i nostri diritti. Inoltre non abbiamo abbastanza soldi per pagare il rinnovo che costa davvero molto“, spiega Minel Bellamy, un lavoratore del settore della banana e presidente del Network dei lavoratori Fairtrade in Repubblica Dominicana

Un problema con profonde radici

Lavoratori nell’impianto di lavaggio di una cooperativa di coltivatori di banane in Repubblica Dominicana. ©Christian Nusch / Fairtrade Deutschland

In Repubblica Dominicana hanno sede 39 organizzazioni che impiegano lavoratori (conosciute come piantagioni) e 24 organizzazioni di piccoli produttori certificate Fairtrade. Impiegano circa 16mila lavoratori. Molti dominicani hanno lasciato le aree di coltivazione della banana e sono emigrati nelle città o all’estero portando a un grave problema di mancanza di manodopera nelle aree rurali.

In assenza di lavoratori dominicani o di migranti regolarizzati, i produttori sono obbligati ad assumere lavoratori migranti senza documenti per andare avanti. Per rispondere a questo problema, nel 2019 Fairtrade e i suoi partner hanno organizzato una tavola rotonda sui lavoratori migranti che ha elaborato il percorso attuale.

“La speranza più grande che abbiamo è che questo coordinamento e tutti gli alleati di Fairtrade facciano in modo di influire sui costi e sulla frequenza del rinnovo del permesso di soggiorno in modo che possiamo stare legalmente nel paese. Questa è un’iniziativa positiva e importante per noi e speriamo che gli obiettivi siano raggiunti”, dice Minel.

Il percorso si svilupperà nei prossimi due anni. Nel breve e medio termine, ha l’obiettivo di accrescere l’accesso dei lavoratori ai servizi sociali e sanitari e di proteggerli dalla deportazione. Nello stesso tempo, la tavola rotonda lavorerà con le autorità dominicane e haitiane per accrescere la consapevolezza dell’importanza del lavoro dei migranti per il settore della banana e per le economie dei due paesi.

Fonte: Fairtrade

(Visited 44 times, 1 visits today)
mytech_bottomnews