cappplast_topnews_29giu-20lug
Aziende

“Garantire il prodotto nei pdv è una responsabilità sociale”

melinda
Redazione
Autore Redazione

Dall’inizio dell’emergenza coronavirus, il Consorzio Melinda ha assicurato la fornitura delle mele sul territorio nazionale

Inizia la Fase 2 della gestione emergenziale sanitaria dovuta al coronavirus, ma per Melinda l’attività non cambierà rispetto ai due mesi scorsi, perché di fatto non si è mai arrestata. Il senso di responsabilità adottato sin dall’inizio dell’emergenza ha portato il Consorzio ad attivare in tempi record tutti i sistemi, i dispositivi e i parametri di sicurezza per tutelare la salute dei propri dipendenti, soci e collaboratori e garantire così la puntualità della fornitura di mele a tutti i clienti.
melinda - lavorazioneLa riorganizzazione interna di Melinda ha visto applicate semplici regole ma efficaci, come l’annullamento di riunioni allargate e l’impiego in alcuni casi della modalità del telelavoro, oltre a inibire l’ingresso alla sede del Consorzio e alle cooperative da parte di fornitori, consulenti, trasportatori ed ogni altro personale esterno.
 Sono state azzerate inoltre le visite dei commerciali ai clienti e buyer, con l’utilizzo di video chiamate e presenze alternate sul posto di lavoro.
Nelle sale di produzione i lavoratori sono sempre dotati di mascherine e guanti e accedono agli stabilimenti in più turni; vengono mantenuti in piccoli gruppi sulle linee di lavorazione, mentre sulla linea di confezionamento sono state posizionate delle barriere mobili che separano fisicamente gli operatori l’uno dall’altro. Sono stati inoltre installati in questi ultimi giorni dei termoscanner in modo da poter monitorare la temperatura corporea di chiunque acceda alle sale di lavorazione ed agli uffici, garantendo così un ulteriore controllo. In merito al rischio di contagio, è stata attivata, con effetto immediato al 31 dicembre, una copertura assicurativa straordinaria a favore di tutti i dipendentiApot, Melinda e La Trentina – con l’obiettivo di tutelare ulteriormente il personale. 
Il centro visitatori MondoMelinda infine è stato riaperto solo la scorsa settimana prevedendo l’entrata delle persone dilazionata e seguendo tutte le norme di sicurezza previste per i punti vendita di alimentari. Le visite guidate nel centro di lavorazione e l’esperienza immersiva nel Golden Theatre non sono ancora consentite, fino a nuove disposizioni.

“Il problema del coronavirus impatta su ognuno di noi, a qualsiasi livello e ruolo – sottolinea Michele Odorizzi, presidente Melinda – per cui è d’obbligo da parte nostra mantenere attivo un costante monitoraggio della situazione, locale e nazionale, qualora si rendano necessarie ulteriori azioni di contenimento. Siamo consapevoli di essere il punto di riferimento di 4mila famiglie
 e pertanto siamo chiamati a 
trovare le soluzioni migliori per
continuare a proseguire con la nostra attività salvaguardando la salute di ogni Socio e collaboratore per il bene di tutta la collettività”.

“Stiamo entrando in quella che è una seconda fase dell’emergenza sanitaria che ha coinvolto non solo la nostra realtà consortile ed il nostro territorio, ma l’intero Paese, l’Europa e il mondo intero – conclude Paolo Gerevini, direttore generale di Melinda – Posso contare su una squadra di collaboratori che stanno dimostrando senso del dovere nell’affrontare questo difficile momento, tutti i reparti interagiscono al meglio rispondendo positivamente, uniti e solidali. Continuiamo il nostro cammino come fatto sino ad ora con determinazione e positività compiendo ogni giorno un piccolo gesto nei confronti del nostro Paese. Sono certo che #insiemecelafaremo”.

(Visited 468 times, 1 visits today)