Pera IGP_top news_16ott-10dic_2023
Trend e Mercati

I dati Iko: calo globale della produzione di kiwi

Avatar
Autore Redazione

Diminuzione anche in Italia ma il Paese si conferma secondo player dopo la Nuova Zelanda

In Europa la produzione stimata globale di kiwi per il 2023 è di circa 755mila tonnellate, il 4% in meno sul 2022, e in Italia di circa 311 mila tonnellate (che conferma il nostro Paese secondo player mondiale), come complesso di tutte le cultivar presenti, che segna un 7% in meno sullo scorso anno.

Cala il kiwi verde per la morìa

Questo il dato essenziale delle previsioni emerse dalla 42esima conferenza Iko (International kiwifruit organization), tenutasi a Curicò in Cile tra il 12 e il 14 settembre, alla quale per l’Italia ha partecipato il Cso Italy insieme a una rappresentanza della propria base sociale.
Accanto a quella italiana, alla conferenza Iko hanno partecipato le delegazioni di Grecia, Spagna, Portogallo, Francia, Stati Uniti, Nuova Zelanda e Cile. Presenti anche alcuni Paesi non membri di Iko invitati alla conferenza, come Sudafrica, Argentina e Brasile.

Concentrandoci sulle previsioni per l’Italia, la diminuzione è dettata ancora una volta dalla riduzione della produzione del kiwi verde, pari al -15% rispetto all’anno precedente, a causa dei danni da gelo, della contrazione delle superfici, ma soprattutto dell’impatto della morìa che incide anche sulle rese produttive delle piante. La morìa, diffusasi inizialmente dieci anni fa nel Veneto, ha poi interessato e via via fortemente penalizzato anche altre importanti aree di coltivazione del kiwi, come il Piemonte e più recentemente il Lazio; è oggi presente anche in Friuli, Calabria, Campania e Basilicata. Il fenomeno è molto preoccupante e, sulla base delle analisi di Cso Italy, si stima che dal 2012 ad oggi abbia interessato oltre 8.600 ettari.

Cresce il giallo

Ancora in ascesa il kiwi a polpa gialla, che quest’anno potrebbe superare le 103mila tonnellate, segnando un +12% sul 2022, grazie anche ai nuovi impianti che entrano in produzione.

Allargando l’orizzonte all’Europa, flette anche il volume atteso in Grecia, posizionata sulle 311mila tonnellate, il 3% in meno rispetto al volume elevato della stagione passata. Segno negativo anche in Spagna, con una produzione pari al -4% sul 2022, con poco più di 28 mila tonnellate. Simile alla scorsa stagione l’offerta francese, con poco più di 46 mila tonnellate (+2% sul 2022), mentre sembra aumentare maggiormente il quantitativo previsto in Portogallo, con oltre 58 mila tonnellate, +10% sulla scorsa stagione.

Emisfero sud

Spostandoci nell’emisfero sud, nel 2023 è risultata più contenuta la disponibilità di prodotto sia in Nuova Zelanda sia in Cile, a causa di problemi climatici. La raccolta in Nuova Zelanda si è concretizzata in circa 492mila tonnellate (-21% rispetto al 2022), con una marcata flessione del prodotto verde; il Cile ha segnato un calo pari all’11% sul 2022, con un volume di poco meno di 125 mila tonnellate. Entrambi i Paesi hanno destinato un quantitativo minore di kiwi in Europa, con vendite che dovrebbero terminare anticipatamente rispetto alla scorsa stagione.

Fonte: Cso Italy

(Visited 170 times, 1 visits today)
superbanner