superbanner mobile
VOG_TopNewsgenerale_21nov-18dic
Trend e Mercati

Mele: quattro chili per un caffè

Avatar
Autore Redazione

E’ la denuncia di Coldiretti. Ai frutticoltori pochi centesimi per il prodotto raccolto un anno fa, settore a rischio

Prezzi alle stelle nel carrello della spesa ma produttori agricoli sottopagati: è il paradosso della filiera frutticola in cui, denuncia Coldiretti Cuneo, guadagnano tutti tranne chi produce, mettendo a rischio la tenuta di un comparto cruciale per l’agroalimentare made in Cuneo, fatto di 4.500 imprese che coltivano mele, pesche, kiwi, pere e susine, generando un fatturato potenziale di oltre 260 milioni senza contare l’indotto.

Situazione insostenibile

Una situazione insostenibile che, nella passata stagione, ha visto i frutticoltori obbligati a vendere quattro chili di mele per potersi pagare un caffè: “Un dato impietoso – commenta Enrico Nada, presidente di Coldiretti Cuneo – lontano dai numeri che leggiamo oggi su alcuni organi di stampa, che indicano 0,8 euro/chilo come quotazione delle Golden Delicious, mentre è del tutto impossibile conoscere con esattezza il compenso che sarà riconosciuto ai produttori per le mele raccolte quest’anno, perché il dato rilevato un certo giorno è provvisorio e privo di valore nell’arco di una campagna di commercializzazione che dura almeno sei mesi”.

Gli unici numeri certi, a oggi, riguardano la campagna di commercializzazione 2021 delle mele: per la quasi totalità delle varietà raccolte l’anno scorso, i produttori hanno percepito compensi più bassi dei costi di produzione calcolati da Agrion, pari in media a 0,4 euro/chilo.

Liquidazioni in ritardo

“Senza dimenticare che le liquidazioni sono arrivate tra aprile e settembre di quest’anno, ossia quasi un anno dopo la raccolta, un ritardo gravissimo che – precisa Coldiretti Cuneo – si ripropone annata dopo annata: essendo gli ultimi a percepire un compenso, i frutticoltori incassano le briciole, ossia il poco che rimane, pagando anche tutte le inefficienze e glierrori di chi sta a valle della filiera”.

“Il rischio concreto è che, alla fine di questa campagna, le mele saranno pagate ancor meno dell’ultimo anno, pur a fronte di costi in crescita per le imprese a causa dei rincari di energia, carburante, materie prime e fertilizzanti. Non possiamo accettare che i frutticoltori continuino a lavorare sotto i costi di produzione e visto quanto sta accadendo siamo pronti ad applicare il Decreto sulle pratiche commerciali sleali”, dichiara il presidente Nada.

Aumentano gli impianti

“La Granda, che vanta una produzione di eccellenza a marchio Igp, la Mela Rossa Cuneo, vede una progressiva espansione degli impianti di melo – spiega Coldiretti Cuneo – con oltre 2mila aziende frutticole coinvolte e una superficie dedicata di quasi 6mila ettari (+21% negli ultimi cinque anni), pari all’85% della superficie piemontese coltivata a melo“.

“Un quadro di importante crescita e di grandi aspettative che rischia di andare in fumo – denuncia il direttore di Coldiretti Cuneo Fabiano Porcu – per l’insostenibilità economica di una situazione che vede la grande distribuzione e i soggetti intermediari lungo la filiera applicare il proprio strapotere acquistando e vendendo a prezzi che non coprono neanche i costi di produzione”.

“Vanno previste urgentemente specifiche misure per dare ossigeno alle imprese ma serve anche un incontro con la Gdo per fermare le speculazioni e arrivare a definire una strategia e una progettualità che diano sostegno concreto al comparto”, conclude Porcu.

Fonte: Coldiretti 

(Visited 97 times, 1 visits today)
superbanner