Cultiva_SuperMobile_12ago-4sett
Interpoma_topnews_1ago-11sett
Trend e Mercati

Consorzio Casalasco e A.R.P si fondono. Colosso nel mondo del pomodoro da industria

Avatar
Autore Redazione

Oltre 550mila tons, 1.300 dipendenti e un volume di affari di 270 milioni di euro

Sarà il primo gruppo di produzione e trasformazione del pomodoro da industria in Italia e il terzo in Europa. È quello che nasce dalla fusione per incorporazione del noto Consorzio Casalasco del Pomodoro (Pomì) e A.R.P. – Agricoltori Riuniti Piacentini, società che dal 1958 opera nella coltivazione, trasformazione e distribuzione dei derivati del pomodoro nella provincia di Piacenza. L’annuncio arriva dopo che le assemblee delle due cooperative, che si sono tenute il 25 e 26 agosto, hanno approvato all’unanimità questa importante operazione.

Nasce così un vero e proprio colosso nel mondo del pomodoro da industria: 370 aziende agricole tra le province di Piacenza, Cremona, Parma e Mantova con quasi 7.000 ettari di terreno coltivati a pomodoro, una produzione complessiva di oltre 550.000 tonnellate, 1.300 dipendenti tra personale fisso e stagionale, oltre 50 linee di confezionamento installate presso gli stabilimenti di Rivarolo del Re, Fontanellato e Gariga di Podenzano (sede A.R.P.), e un volume d’affari di circa 270 milioni di euro.

Quali le novità ora? Dal punto di vista organizzativo ci saranno sinergie gestionali (servizi generali, logistica e organizzazione commerciale). Commercialmente Pomì, noto brand del Consorzio Casalasco, intende potenziarsi sui mercati internazionali con nuovi canali di vendita. Dal punto di vista distributivo, poi, l’obiettivo è “quello di abbinare alla gamma retail del Consorzio Casalasco anche la potenzialità dei formati food service di ARP con una linea completa di prodotti destinata alla ristorazione collettiva” afferma l’azienda.

(Visited 431 times, 1 visits today)
superbanner