Carton_Pack_topnewsgenerali_04/07-18/07
Prodotti

Il Carciofo di Paestum diventa anche un libro

Avatar
Autore Redazione

Scritto con competenze e basi scientifiche ma leggibile da chiunque, per rendere tutti partecipi delle qualità del carciofo

La campagna di valorizzazione del Carciofo di Paestum Igp, promossa da Terra Orti e finanziata dalla misura 3 Tipologia di intervento 3.2.1 del Psr Campania 2014/20 continua e focalizza l’attenzione del pubblico sul volume in uscita “Il carciofo e le sue virtù” della professoressa di Genetica agraria e ingegneria metabolica delle piante, Antonietta Leone, e la professoressa in Agronomia, colture officinali e coltivazione di piante per la produzione di alimenti funzionali e nutraceutici, Enrica De Falco. La presentazione si è tenuta il 15 giugno 2022 nella sede di Radio Castelluccio RCS75 a  Salerno ed è stata trasmessa in diretta radio.

Il Carciofo di Paestum Igp è il fiore all’occhiello delle eccellenze della Piana del Sele ed elemento fondamentale della Dieta Mediterranea, grazie alle sue numerose caratteristiche benefiche.
Proprio per questo il libro si inserisce perfettamente nella campagna di valorizzazione, con lo scopo di esaltare le qualità del carciofo e stimolarne l’utilizzo.

Il direttore del Consorzio, Emilio Ferrara, ha aperto la triade di interviste con parole propositive ed entusiaste, favorite dal successo della campagna di valorizzazione. Ha spiegato l’importanza del prodotto nel nostro territorio e del riconoscimento europeo come marchio d’eccellenza. Il direttore ha poi continuato affermando che “il testo curato dal Dipartimento di Farmacia dell’Università di Salerno è il secondo testo incentrato sul carciofo. In questo, però, il lavoro è stato fatto a 360 gradi spaziando dagli aspetti storici a quelli scientifici e nutrizionali, per finire con una serie di ricette che aiutano i lettori ad ampliare l’uso del carciofo in tavola”.

Il volume è, dunque, a carattere scientifico ma scritto con tono di voce divulgativo, comprensibile anche da chi non ha conoscenze tecniche, e illustra i vantaggi di uno stile di alimentazione che mette al centro il consumo del Carciofo di Paestum Igp. In merito, la professoressa e coautrice del volume, Enrica De Falco ha commentato: “Insieme alla professoressa Leone, abbiamo deciso immediatamente di aderire alla proposta di Terra Orti di scrivere un secondo opuscolo sul carciofo, più approfondito e con un’attenzione particolare alle virtù di un ortaggio che fa parte della nostra tradizione, sia sotto l’aspetto nutrizionale che di coltivazione. Da professoressa del Dipartimento di Farmacia posso confermare quanto sia importante il fattore alimentazione nella nostra salute”.

“Consumare il Carciofo di Paestum Igp vuol dire mangiare un prodotto che ha una lunga stagionalità e dunque è sempre fresco e non lavorato; comprare un prodotto a km 0 che non viene trasportato e dunque che non favorisce all’inquinamento dovuto allo spostamento delle merci”, conclude la docente. Rivolto a qualsiasi consumatore consapevole e attento alla propria alimentazione, dà spunto, oltre al consumo alimentare del carciofo, anche a nuovi metodi di utilizzo.

Alfonso Esposito, presidente del Consorzio di Tutela del Carciofo di Paestum Igp ha aggiunto: “Il libro è stato scritto con competenze e basi scientifiche ma leggibile da chiunque, proprio per rendere tutti partecipi delle qualità del carciofo. E si chiude con ricette che richiamano la curiosità, grazie anche alla sua versatilità in cucina. Questo anche grazie al fatto che il carciofo è originario di queste zone. Le patate ed i pomodori sono arrivati qui solo dopo la scoperta dell’America, dunque le popolazioni risiedenti in queste zone utilizzavano il carciofo per tutti gli 8 mesi di stagionalità, creando così numerose declinazioni culinarie che ancora oggi fanno parte del nostro bagaglio tradizionale”.

Informativo, pieno di curiosità e nuove idee: il libro è alla portata di tutti ed elogia uno degli 841 prodotti di eccellenza del territorio italiano, che mette al centro della produzione sostenibilità e protezione territoriale, avvicinando il consumatore soprattutto autoctono ai prodotti a km0.

Fonte: Consorzio di Tutela Carciofo di Paestum Igp

(Visited 28 times, 1 visits today)