cappplast_topnews_29giu-20lug
MySnack Prodotti

Nocciole e cimice asiatica, l’Università della Tuscia lancia l’allarme

cimice asiatica

Nocciole di nuovo in pericolo per la cimice asiatica. Succede nel viterbese, dove l’Università degli Studi della Tuscia, e in particolare il team di entomologia del dipartimento di scienze agrarie e forestali (Dafne), coordinato da Stefano Speranza, ha reso noto in questi giorni un risveglio delle popolazioni di cimice asiatica, Halyomorpha halys, in questo territorio.

“Durante le attività di monitoraggio, nelle forme autorizzate dai Dpcm e dai decreti rettorali del nostro ateneo – spiega una nota del Dafne – sono state rilevate, nei noccioleti, discrete quantità di ovature di cimice asiatica in fase di schiusura. Il Mario Contarini (cooperativa Coopernocciole) ricorda che questo fitofago, recentemente introdotto nel Nord Italia, si sta diffondendo anche nei noccioleti della Tuscia dove è stato per la prima volta segnalato due anni fa dal nostro team.

La cimice asiatica, dopo avere svernato in ricoveri naturali o artificiali, riprende, in primavera, il proprio ciclo biologico. La sua azione di nutrizione si svolge principalmente a danno di frutti sui quali causa lesioni, deformazioni e suberificazioni e va quindi a originare considerevoli diminuzioni di produzione. Alle nocciole è in grado di determinare i caratteristici danni dell’aborto traumatico e del “cimiciato”, aggiungendosi, così, alle cimici nocciolaie già comunemente diffuse nell’area. È da rilevare che fino allo scorso anno non sono stati notati incrementi di livelli di danno probabilmente dovuti alla cimice asiatica. La presenza, però, di numerose ovature per questo anno ci allerta e ci spinge a suggerire azioni di monitoraggio comuni.

Il team di entomologia procederà con puntuali azioni di monitoraggio grazie al progetto “Pantheon” finanziato dalla commissione europea coordinato dal professor Andrea Gasparri dell’Università Roma Tre e dal professor Valerio Cristofori (Dafne-Unitus), e grazie alla convenzione con la società Cooperativa Coopernocciole, coordinata da Mario Contarini.

“Per incrementare le collaborazioni scientifiche e le attività di monitoraggio, ci stiamo coordinando – chiarisce Speranza – con gli enti locali, le maggiori società private nazionali e le principali associazioni di produttori locali”.

(Visited 14 times, 1 visits today)