Ortomad_Superbanner mobile_6-12feb_2023
Orsini e Damiani_top news_6-12feb_2023
DOLE_top news 2_16gen-19feb_2023
Politiche agricole

Ue, Freshfel chiede una promozione agroalimentare moderna

La nuova politica dovrebbe riflettere le future esigenze dei consumatori e delle imprese. Priorità a sostenibilità e salute

Freshfel Europe ha chiesto alla Commissione europea che la nuova politica di promozione agroalimentare dell’Ue sia “lungimirante e rifletta le future esigenze dei consumatori e delle imprese in tema di sostenibilità e la salute”.

Alla prima tornata di consultazioni della Commissione per la revisione della politica di promozione dell’Ue Freshfel ha infatti dichiarato che la nuova politica dovrebbe sostenere attivamente la promozione di frutta e verdura. Così facendo, risponderà meglio alle attuali e mutevoli esigenze della società e delle imprese per quanto riguarda la lotta contro le sfide ambientali e sanitarie.

Freshfel ha poi sottolineato che la revisione della Commissione della politica di promozione dell’Ue per i prodotti agricoli può plasmare ciò che gli europei consumano e la disponibilità e la competitività futura dei prodotti comunitari sui mercati dei paesi terzi. L’associazione ha poi ribadito come l’aumento del consumo di frutta e verdura fresca deve continuare a essere fortemente sostenuto nella nuova politica di promozione.

Ortofrutta avvantaggiata

Il settore ortofrutticolo è nella posizione migliore per soddisfare le future esigenze dei consumatori e delle imprese in materia di sostenibilità e di salute. Pertanto, secondo Freshfel, deve essere fortemente sostenuto con opportunità di promozione ben focalizzate nella nuova politica. “La frutta e la verdura hanno la raccomandazione di consumo più alta e la produzione a più basso impatto ambientale di tutte le categorie alimentari”, ha detto il delegato generale di Freshfel, Philippe Binard. “Gli sforzi del settore in tutta la catena di approvvigionamento devono essere sostenuti nella nuova politica di promozione per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità e salute del blocco.

“Nel periodo 2016/20 il settore dei prodotti freschi ha condotto più di 70 campagne di promozione e informazione in tutta l’Unione europea e a livello globale per un valore di oltre 180 milioni di euro – ha sottolineato Binard – C’è un forte desiderio da parte del settore di continuare l’attività di promozione di successo e di aumentare il consumo per soddisfare sia le richieste dei consumatori che quelle della politica per una produzione e un consumo agricoli sostenibili in futuro”.

(Visited 69 times, 1 visits today)
superbanner