Innovazioni, tecnologie e packaging

09 luglio 2024

Post raccolta, Sorma Group mette in campo l’automazione

116

Efficienza, velocità, qualità e precisione sono determinanti nel post raccolta. Ne è consapevole Sorma Group, che per rispondere a queste esigenze ha sviluppato negli ultimi anni soluzioni pick & place innovative che incrementano l'automazione dei processi lungo tutte le fasi di lavorazione, dalla selezione fino alla pallettizzazione e la reggiatura (processo attraverso il quale una reggetta in metallo o in plastica viene posizionata intorno a un prodotto o a un pallet per legarlo, rafforzarlo o fissarlo a qualcosa, ndr).

Drca-180, la soluzione tre in uno

Per la prima fase Sorma propone il robot Drca-180, una soluzione tre in uno in grado di ridurre gli ingombri della linea e aumentare la velocità di lavorazione. 

Il braccio antropomorfo può depallettizzare i vari strati di cassette da una o più pedane diverse, rovesciare delicatamente e contemporaneamente il contenuto di un intero piano di cassette sul nastro trasportatore e ripallettizzare i vuoti.

Avanzando nella lavorazione Sorma Group propone due soluzioni automatizzate e alternative per il posizionamento della frutta negli alveoli e nelle casette: si tratta di Aporo e di Asa.

Aporo, la riemitrice all'avanguardia

Se la necessità è di riempire gli alveoli, anche già inseriti nelle cassette, la soluzione proposta da Sorma, progettata in particolare per il settore melicolo, è Aporo. La macchina rileva infatti automaticamente la dimensione degli alveoli in cui posizionare il prodotto grazie al braccio robotico multitesta pick and place. 

Questa rivoluzionaria riempitrice posiziona contemporaneamente quattro mele negli alveoli e, attraverso l’uso di telecamere, le sistema con il picciolo nella stessa direzione e con il lato migliore, ossia quello dalla colorazione più intensa, a vista. 

Ogni testa è in grado di erogare delicatamente 200 frutti al minuto, con la possibilità di controllare la macchina anche da remoto. Aporo è collaudata anche per essere impiegata per arance, kiwi, pesche e nettarine.

Asa, fino a 30-40 confezioni al minuto

Se invece la necessità è il riempimento in casse con confezioni in rete, l’ultima novità in casa Sorma è Asa, un robot antropomorfo che si distingue per la precisione e per un sistema di riempimento all’avanguardia grazie al quale le confezioni sono accompagnate dolcemente e gestite con una delicatezza pari a quella manuale. 

Asa è in grado di posizionare nelle casse fino a 30-40 confezioni al minuto, il che significa che può sostituire il lavoro di una persona sulla linea. La macchina è in grado di porre le confezioni in maniera ordinata, tutte orientate nella stessa direzione. 

Rispetto ai classici riempitori offre maggiore delicatezza poiché la confezione non viene fatta cadere dall’alto, ma la mano automatica la prende e la adagia nel contenitore di destinazione, evitando così gli urti. Infine, grazie alla presa universale della mano automatica, il robot risulta versatile nell’utilizzo: può infatti gestire tutta la gamma delle soluzioni per il packaging in rete proposta da Sorma.

Una volta confezionato il prodotto e inserito nelle cassette la merce deve essere accuratamente pallettizzata e reggiata per garantirne la stabilità e la sicurezza durante il trasporto. Per supportare il settore nel processo di efficientamento e per ridurre i rischi di infortuni sul lavoro, Sorma Group ha messo a punto una vasta gamma di pallettizzatori e reggiatrici automatici in grado di soddisfare le esigenze di ogni singola realtà produttiva.

Sono disponibili pallettizzatori con pinze e a pianale in grado di utilizzare differenti formati di casse e realizzare numerosi layout di impilamento creando pedane intere o mezze pedane.

Le reggiatrici Sorma Group sono installate stand alone, in linea ai pallettizzatori o su di una navicella che si sposta tra le varie pedane.
Possono essere dotate anche di un sistema automatico per l'applicazione degli angolari, che stabilizzano e proteggono i bordi delle merci durante il trasporto e lo stoccaggio e utilizzano differenti formati di reggia, adattandosi alle specifiche esigenze di ogni cliente.

I macchinari prodotti dal 2022 dispongono di una nuova testa di reggiatura che permette ai clienti di sostituirla in autonomia senza fermare la macchina per il tempo necessario all'intervento garantendo un flusso continuo e ininterrotto.

Potrebbe interessarti anche