VOG_TopNewsgenerale_21nov-18dic

Francia: cambia il comportamento alimentare

I transalpini mangiano sempre più spesso lontano dal pasto

Cambia il comportamento alimentare dei francesi: secondo un’indagine realizzata dalla Danone i francesi sono sempre di più soliti “mangiucchiare” qualcosa durante la giornata; aumenta quindi il numero delle pause alimentari e diminuiscono le spese per i pasti fuori di casa. Ben il 40% fa ben 6 o più pasti o pause alimentari, il 41% da 4 a 5, solo il 18% non mangia nulla oltre i “classici” colazione, pranzo e cena. Malgrado un forte aumento dei circuiti alternativi, i consumi fuori di casa sono aumentati solo del 1,82% rispetto all’anno precedente (65.713 miliardi di euro), la crescita più debole dal 1996. Ben il 47,4% (dati Gira 2003) ha utilizzato i canali della ristorazione classica (di cui il 31,5% quella commerciale ed il 15,9% quella collettiva – mense), il 6,8% circuiti alimentari alternativi (+37,05%), il 6,2% caffé e bar , il 4,3% hotel e l’1% i distributori automatici(+11%). Non è un caso che le vendite di sandwiches siano aumentate dal 7 all’8% per anno dal 1997 in volume, rappresentando oggi un fatturato di più di 2 miliardi di euro: ben il 75 % ancora prodotto artigianalmente nonostante l’attacco di quello “industriale” che beneficia del peso sempre più forte della grande distribuzione.

(Visited 17 times, 1 visits today)