webinar_pomodori_topnews_27/06-04/07

Alemanno annuncia spot per l’ortofrutta

Da Ragusa il ministro anticipa la campagna pubblicitaria per il rilancio dei consumi

Alemanno a Ragusa: spot per l’ortofrutta

RAGUSA. Oltre tredicimila spot pubblicitari su ottanta emittenti televisive e interventi sui maggiori quotidiani italiani per veicolare il messaggio sulla sicurezza dell’ortofrutta. E’ una delle iniziative del governo Berlusconi annunciate ieri pomeriggio dal ministro per le Politiche agricole, Gianni Alemanno, nel corso della sua visita in provincia di Ragusa.

Un primo, immediato intervento per riabilitare l’immagine dei prodotti della serricoltura italiana e siciliana in particolare. “E’ chiaro che l’iniziativa – ha detto il ministro ai parlamentari, ai rappresentanti delle organizzazioni agricole e ad una delegazione di imprenditori presenti nel salone delle feste della Prefettura di Ragusa – vuole rilanciare la produzione ortofrutticola nazionale ma il messaggio avrà una connotazione siciliana”. E’, infatti, “costruito” all’interno di una serra: una donna, in dialetto, esalta le proprietà dell’ortofrutta in termini di qualità, di gusto e di sicurezza. “E’ un atto di giustizia – ha ribadito Alemanno – dopo le inesattezze che, purtroppo, hanno caratterizzato alcuni interventi, non certo del Ministero, su qualche emittente televisiva”.
Ma, al di là dell’immagine, c’è un problema sostanziale: quello dei capitali da investire in nuove tecnologie per migliorare la produzione e la commercializzazione in agricoltura, un settore che rappresenta, insieme alla zootecnia, il 18% del reddito prodotto in provincia di Ragusa. Servono interventi radicali. Lo hanno sottolineato (a nome del coordinamento dei sindaci della fascia trasformata) il sindaco di Vittoria, Francesco Aiello; il segretario provinciale della Confederazione italiana dell’Agricoltura, Carmelo Gurrieri (che ha preso la parola anche per conto di Coldiretti e Confagricoltura) e Angelo Greco, in rappresentanza dei produttori agricoli vittoriesi. Innazitutto, i contratti di programma per trovare i capitali necessari all’ammodernamento degli oltre cinquemila ettari di coltivazione in serra nel territorio ibleo. E, ancora, le infrastrutture, per abbassare i costi di trasporto; i mutui decennali a tasso zero da concedere attraverso i consorzi fidi; l’abbattimento dei costi energetici; l’attivazione della legge 185/82 per fra fronte ai danni delle gelate.
Una vera “piattaforma di rivendicazioni” di cui il ministro Alemanno ha preso visione e alla quale ha contrapposto alcuni degli interventi già in fase di attuazione. A cominciare dal contratto di programma.
“C’è l’impegno del governo – ha detto Alemanno – ci sono disponibili circa duecento miliardi di lire a fronte, però, di progetti seri e validi”. Impegni del governo anche per il credito d’imposta in agricoltura e per le passività aziendali. E, infine, una proposta operativa:”Per gestire questi interventi – ha concluso Alemanno – ci vuole una sorta di “task-force”, un gruppo che possa coordinare realtà locali-Regione e Ministero in modo che non si cada nell’errore del passato, quello degli interventi assistenzialistici. Siamo convinti che qui c’è una realtà positiva, che ha bisogno di una spinta chiara e forte. Siamo seduti su un giacimento d’oro che dobbiamo saper sfruttare. Da parte del governo c’è un impegno serio e concreto a cui nessuno intende sottrarsi”.
Dopo il vertice in prefettura il ministro Alemanno ha concluso la sua visita in provincia di Ragusa con un incontro pubblico, a Vittoria, in piazza del Popolo.
Concetto Iozzia

(Visited 16 times, 1 visits today)