Interpoma_topnews_26set-16ott
In primo piano

Filiera Italia e Coldiretti: “Bene gli aiuti contro il caro energia”

Avatar
Autore Redazione

Incontro congiunto con il ministro dell’Economia, Daniele Franco, e con quello dello sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti

Bene gli aiuti contro il caro energia che sta mettendo in ginocchio dal campo alla tavola quasi 100mila aziende della filiera agroalimentare italiana impegnata nel garantire le forniture di cibo e bevande agli italiani. Serve un intervento immediato che garantisca alle imprese che producono cibo di avere il massimo degli aiuti, anche attraverso l’aumento del credito d’imposta se questa sarà scelta dal Governo. E’ quanto affermano Coldiretti e Filiera Italia in occasione dell’incontro congiunto con il ministro dell’Economia, Daniele Franco, e con quello dello sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, per illustrare i contenuti del decreto aiuti del Governo con la lettera inviata dal presidente del Consiglio Mario Draghi che ha definito “l’agricoltura fondamentale per la nostra economia ed essenziale per la vita di tutti i cittadini” e “il Governo intende continuare a sostenervi con nuovi interventi a favore di famiglie e imprese, anche per il settore agroalimentare”.

Bisogna difendere la sovranità alimentare del Paese e scongiurare il rischio concreto di un crack nazionale – spiegano Coldiretti e Filiera Italia – anche perché si concentrano proprio in questi mesi le produzioni agricole tipiche del Made in Italy e della Dieta Mediterranea con le loro lavorazioni per conserve, succhi e derivati: dagli ortaggi ai legumi, dal vino all’olio, dai salumi e prosciutti Dop ai formaggi, dal latte alla carne fino alla pasta, dalla frutta alle passate di pomodoro usate su tutte le tavole italiane e all’estero. L’aumento dei costi colpisce duramente l’intera filiera agroalimentare a partire dalle campagne – denuncia Coldiretti – dove più di una azienda agricola su 10 (13%) è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell’attività ma ben oltre 1/3 del totale nazionale (34%) si trova comunque costretta in questo momento a lavorare in una condizione di reddito negativo per effetto dei rincari, secondo il Crea.

In agricoltura si registrano infatti rincari dei costi che – sottolineano Coldiretti e Filiera Italia – vanno dal +170% dei concimi al +90% dei mangimi al +129% per il gasolio fino al +300% delle bollette per pompare l’acqua per l’irrigazione dei raccolti. Ma aumenti riguardano l’intera filiera alimentare con il vetro che costa oltre il 30% in più rispetto allo scorso anno, ma si registra un incremento del 15% per il tetrapack, del 35% per le etichette, del 45% per il cartone, del 60% per i barattoli di banda stagnata, fino ad arrivare al 70% per la plastica, secondo l’analisi Coldiretti

Un terremoto alimentare, economico e occupazionale – continuano Coldiretti e Filiera Italia – che trascinerebbe nel baratro anche la Dieta Mediterranea che ha garantito benessere, salute, lavoro e ha sostenuto all’estero quel cibo Made in Italy che adesso rischia di andare a sbattere per colpa dei rincari dell’energia e dei costi diretti e indiretti che devono sostenere le aziende di una filiera agroalimentare che dai campi alla tavola vale 575 miliardi di euro, quasi un quarto del Pil nazionale, e vede impegnati ben 4 milioni di lavoratori in 740mila imprese agricole, 70mila industrie alimentari, oltre 330mila realtà della ristorazione e 230mila punti vendita al dettaglio.

Con i rincari d’autunno sono a rischio alimentare oltre 2,6 milioni di persone che in Italia sono costrette a chiedere aiuto per mangiare e rappresentano la punta dell’iceberg delle difficoltà in cui rischia di trovarsi un numero crescente di famiglie a causa dell’inflazione spinta da energia e alimentari con più di un italiano su due (51%) che taglia la spesa nel carrello secondo l’indagine condotta sul sito www.coldiretti.it dalla quale si evidenzia che un altro 18% di cittadini dichiara di aver ridotto la qualità degli acquisti, costretto ad orientarsi verso prodotti low cost per arrivare a fine mese, mentre un 31% di cittadini non ha modificato le abitudini di spesa.

“E’ una situazione di emergenza di guerra che non si può sottovalutare, l’agroalimentare sta pagando un prezzo altissimo per le conseguenze dell’elevato costo dell’energia che nel resto del mondo non è elevato come in Italia. E se non si interviene con urgenza si rischia la delocalizzazione in altri Paesi, per esempio gli Stati Uniti per le condizioni vantaggiose che offrono, in primis dal punto di vista energetico”, afferma il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini nel sintetizzare il grido d’allarme lanciato dal meglio delle industrie italiane che forniscono cibo in occasione dell’incontro con i ministri Franco e Giorgetti promosso con Filiera Italia a cui aderiscono 80 big del made in Italy. “Come per il gas anche e soprattutto nell’alimentare l’Italia – continua Prandini – deve recuperare il tempo perduto e lavorare per ridurre la dipendenza dall’estero intervenendo nell’immediato sui costi energetici per salvare aziende e stalle per non perdere quegli spazi di autonomia e sovranità alimentare che fino a oggi le imprese agroalimentari italiane sono riuscite a difendere per il bene del Paese”.

Anche Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia ha ribadito che: “Senza un intervento drastico ed immediato è l’intero settore a rischiare il crack. Non c’è spazio per attendere fine ottobre e l’arrivo del nuovo Governo per cui abbiamo chiesto al Governo in carica di intervenire in maniera più drastica”. Secondo Scordamaglia è “irresponsabile, l’atteggiamento egoistico che alcuni Paesi continuano a tenere a Bruxelles sula proposta di introdurre un tetto al prezzo del gas rimandata all’incontro deli Capi di Stato di ottobre. Rimandare di un mese il price cap, unica ed inevitabile soluzione alle speculazioni crescenti sul prezzo dell’energia vuol dire non capire che siamo di fatto in uno stato di guerra economica in cui ogni giorno rimangono sul campo imprese e lavoratori. Il tutto per consentire il proseguo di speculazioni da parte soprattutto da parte di Olanda e Danimarca che continuano ad opporsi alla soluzione da tempo proposta da Mario Draghi. A livello nazionale siamo tutti consapevoli dell’importanza dell’equilibrio dei conti pubblici ma senza un minimo di scostamento il prezzo che il Paese dovrà pagare in termini di posti di lavoro e povertà sarà molto più alto”.

Fonte: Coldiretti e Filiera Italia

(Visited 37 times, 1 visits today)