X-Farm_topnewsgenerale_22nov-12dic
Fruttivendoli e non solo

Frutta, verdura e lavoro nero: a Brescia multa da 110mila euro

carabinieri

Sanzionata e sospesa una catena di sei negozi. I controlli con l’Ispettorato del lavoro nelle aziende agricole sono state invece positive

Non una, non due ma 11 persone tenute a lavorare senza contratto in sei negozi di frutta e verdura di Brescia. Una catena di rivendita in nero. Almeno secondo gli esiti delle indagini degli uomini e delle donne di Nil (Nucleo Ispettorato del Lavoro), Polizia locale e carabinieri di Brescia.

Ora arrivano guai seri per il titolare, un’unica società rappresentata dal legale rappresentante pachistano. L’uomo è deferito in stato di libertà anche per un altro reato: aver impiegato nei negozi due extracomunitari privi di permesso di soggiorno idoneo, a cui è seguita la contravvenzione da 47.172 euro. Ma non è finita qui, perché  l’uomo ha fatto lavorare 11 persone senza un regolare contratto e questo gli costerà altri 48mila euro.

Chiusi tutti i frutta e verdura

I pagamenti non sono finiti per il titolare, le sei attività commerciali, sono state sospese e c’è da pagare un’altra multa da 12mila euro. Sono in corso altri accertamenti per verificare il rispetto delle norme igienico-sanitarie. A Brescia c’è tanto lavoro per le forze dell’ordine su questo fronte: solo tre settimane fa erano stati beccati due bar e due ristoranti con sette dipendenti senza regolare un contratto. In quel caso, come riportano i giornali locali, la sanzione è stata di 50mila euro.

In campagna tutto bene

Male la città, bene la campagna dove nei giorni scorsi i carabinieri delle stazioni in collaborazione con i carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro di Brescia non hanno trovato irregolarità nelle ispezioni delle aziende agricole del territorio. Zero sfruttamento del lavoro in nero e del caporalato. Questo l’esito dell’operazione che ha accertato anche la regolarità sulle condizioni di sicurezza e igieniche dei lavoratori. A norma di legge  le assunzioni e il rispetto degli orari di lavoro. L’unica sanzione riguarda la mancanza di comunicazioni sulla presenza di alcune telecamere di sicurezza all’Ispettorato del lavoro. Insomma una situazione decisamente diversa rispetto alla città.

(Visited 529 times, 1 visits today)
superbanner