Cultiva_SUPERbanner_3-9ott
Interpoma_topnews_26set-16ott
Frutta a guscio ed essiccata

Op Il Noceto: via libera anche per le nocciole

Avatar
Autore Redazione

L’Organizzazione di produttori veneta ha ottenuto dalla Regione il riconoscimento che va ad aggiungersi alle noci

La Regione del Veneto ha recentemente deliberato l’estensione alle nocciole del riconoscimento come Organizzazione di produttori (Op) alla cooperativa “Il Noceto” di Chiarano (Treviso), originariamente concesso nell’anno 2000 per le sole noci.

La cooperativa Il Noceto oggi rappresenta, con circa 500 ettari, il maggior gruppo di produttori di noci in Italia e uno dei più grandi in Europa. Da questa settimana, Il Noceto di Chiarano inizierà la lavorazione delle nocciole nel nuovissimo e moderno impianto dedicato e realizzato in tempo record.

L’Op Il Noceto è dunque pronta per la prima stagione di lavorazione delle nocciole. L’impianto consentirà la pulizia fino a un massimo di 45 quintali/ora ed è dotato di un essiccatoio da 50 quintali. Grazie a sensori, l’impianto potrà essere gestito e controllato da remoto tramite internet.

Il sistema di lavorazione è uno dei primi installati in Veneto, dove si stima che negli ultimi anni siano stati piantati circa 900 ettari di nocciole, i primi dei quali entreranno in produzione quest’anno.

Fino dalla sua fondazione, la cooperativa Il Noceto si è dedicata alla produzione di sole noci Lara, e il successo ottenuto dal prodotto per le sue proprietà organolettiche e la qualità della selezione effettuata dall’azienda hanno permesso lo sviluppo di tecniche di produzione e tecnologie di selezione uniche.

“Grazie all’estensione del riconoscimento come Op al prodotto “nocciole” ottenuto nelle scorse settimane dalla Regione del Veneto e all’impegno dei soci – afferma il presidente Giangiacomo Bonaldi – Il Noceto ha realizzato, a tempo di record, un moderno impianto per la loro lavorazione. Questo rappresenta un primo passo verso l’allargamento della Op ad altri tipi di frutta secca. Nel nostro interesse è mantenere  alti gli standard qualitativi e creare un marchio dedicato alle nocciole del Veneto. In questo modo potremmo quasi sicuramente intercettare quella fascia di consumatori sempre più attenta ai prodotti locali, come dimostrato anche dalla loro presenza negli scaffali di molte insegne della distribuzione moderna”.

Fonte: Op Il Noceto

(Visited 94 times, 1 visits today)
superbanner