Interpoma_topnews_1ago-11sett
Frutta a guscio ed essiccata MySnack

Micotossine, la “Federico II” partecipa alla ricerca

C’è anche un’importante università italiana come la “Federico II” di Napoli tra gli atenei coinvolti nel maxi progetto europeo “Foodseg”, che mira a diffondere in Europa le migliori metodologie e i risultati della ricerca su sicurezza e qualità degli alimenti. L’università napoletana è stata infatti selezionata, fin dal 2011, per prendere parte all’attività di ricerca, in quanto è leader nelle analisi sulle micotossine, ovvero quei microorganismi, contenuti nelle muffe di vari alimenti (tra cui non è esclusa la frutta secca mal conservata), che possono essere molto dannose per la salute umana. Alberto Ritieni, docente di chimica della Federico II, ha spiegato all’Ansa: “L’Università Federico II di Napoli ha coinvolto in Foodseg una decina di persone, fra ricercatori e borsisti, che hanno avuto scambi con colleghi francesi, austriaci, spagnoli. A rischio sono granaglie, frutta secca, frutta fresca, cacao e caffé; se la materia prima è contaminata, lo è anche il prodotto trasformato. Ad esempio, se una mucca mangia mais contaminato, anche i suoi prodotti e derivati risultano contaminati. In Italia le reti di controllo funzionano, ma servirebbe un maggiore coordinamento fra i vari soggetti che compiono analisi, fra istituti zooprofilattici, Asl, università, Nas, dogane: magari un prodotto viene esaminato più volte mentre altri possono sfuggire”.

(Visited 20 times, 1 visits today)