vog_topnews_07set-02nov
Biologico

“L’agricoltura biodinamica è fondamentale per raggiungere gli obiettivi del Green Deal”

agricoltura biodinamica
Redazione
Autore Redazione

A ricordarlo è stato Carlo Triarico, durante un incontro organizzato da Coldiretti alla presenza della ministra Bellanova

“Nel settore della bioagricoltura, l’agricoltura biodinamica è un segmento in forte crescita”. A rilevarlo è l’Associazione per l’agricoltura biodinamica, all’indomani dell’incontro sulla bioagricoltura organizzato da Coldiretti alla presenza della ministra Bellanova, di funzionari del Ministero dell’agricoltura e di parlamentari della Commissione Agricoltura.

“Il monitoraggio del trend di crescita della biodinamica – prosegue la nota – è un caso di studio interessante per tre fattori: esporta nei mercati più remunerativi il 95% delle sue produzioni italiane; registra straordinarie performance economiche (13.309 euro per ettaro rispetto alla media nazionale di 3.207); i suoi standard applicano già le principali indicazioni della strategia “Farm to fork” per il Green Deal europeo, recentemente individuate dalla Commissione Ue”.

Durante l’incontro Carlo Triarico, presidente dell’associazione per l’agricoltura biodinamica, ha presentato i dati di alcune indagini, come quella sui risultati definitivi 2019, quella sui fabbisogni formativi svolta dall’agenzia formativa Apab e quella per l’attività di ricerca e studio del settore pubblicata nel Bioreport del Mipaaf.

“Le aziende che in Italia applicano tecniche biodinamiche – riprende la nota – sono stimate in 4.500 (fonte: Bioreport Mipaaf 2018) e il dato è in crescita. La crescita si spiega con le performance economiche esemplari delle aziende biodinamiche, che attraggono sempre più imprese. Dall’ultima indagine sulla Biodinamica pubblicata sul Bioreport, il fatturato medio per ettaro di un’azienda certificata biodinamica risulta di 13.309 euro, di gran lunga superiore sia alla produzione lorda vendibile di un’azienda biologica (2.441 euro), sia a quella di un’azienda convenzionale (3.207 euro). La biodinamica si offre quindi come un caso di studio per facilitare i processi di miglioramento continuo delle performance economiche dell’agricoltura italiana, coerentemente con la vocazione di alta qualità del comparto agricolo nazionale e con la sfida del Green Deal Ue.

Il presidente di Coldiretti Ettore Prandini ha insistito sul ruolo strategico della biodinamica come caso esemplare per lo sviluppo del biologico e dell’agricoltura italiana. Carlo Triarico ha poi dichiarato: “L’Agricoltura biodinamica è riconosciuta dai regolamenti europei del biologico, di cui rappresenta l’origine. Con la crescita della richiesta e l’espansione del mercato biodinamico, diviene ora necessaria un’azione sistemica per la ricerca, la formazione e politiche attive in agricoltura biodinamica rivolte ad agricoltori e operatori che sempre in maggior numero chiedono di entrare nel sistema”.

Su questi temi il 12 novembre si terrà a Firenze, nel Salone dei 500 di Palazzo Vecchio, il 36° Convegno di Biodinamica, che vedrà la partecipazione di ricercatori di varie istituzioni europee, rappresentanti delle organizzazioni agricole e imprese d’eccellenza dell’agroalimentare.

Il movimento biodinamico è presente in oltre 60 paesi nel mondo. In Italia è rappresentato da due storiche organizzazioni. L’associazione per l’Agricoltura biodinamica, fondata nel 1947, che si occupa di consulenza, formazione, ricerca e divulgazione del metodo biodinamico e Demeter Italia, associazione fondata nel 1984, per tutelare e certificare la qualità biodinamica.

 

(Visited 119 times, 1 visits today)