Aziende

Fresco Senso, nuovo stabilimento per Agribologna

FrescoSensoNuovoStabilimento
Redazione
Autore Redazione

Inaugurato a Fresco Senso a San Pietro in Casale (BO) il rinnovato stabilimento che consentirà di raddoppiare la produzione. Investimento da 3 milioni di euro

E’ uno dei fiori all’occhiello del gruppo sin dal 2009 ed ora può contare su un nuovo stabilimento all’avanguardia. Si tratta di Fresco Senso, lo stabilimento di Agribologna di San Pietro in Casale (BO) dedicato alla produzione della frutta di IV gamma, rinnovato e inaugurato martedì 29 maggio.

Con 4000 metri quadrati sono presenti tecnologie avanzate che consentono l’intero ciclo di lavorazione industrializzato, dalla sanificazione alla sbucciatura, dal taglio della materia prima fino al confezionamento confezionamento e alla consegna “presso i maggiori centri della distribuzione moderna e della ristorazione, della frutta in cubetti pronti da mangiare in vaschetta (a secco, per il consumatore finale o in liquido osmotico, per le confezioni da 3 kg dedicate ai catering)” afferma l’azienda in una nota. “Lo stabilimento è completamente coibentato, per garantire la temperatura (dai -2 ai +6 gradi) e preservare shelf life e qualità del prodotto fresco, che non subisce trattamenti termici”.

StabilimentoFrescoSenso_Agribologna

Si tratta di un ampliamento importante di 1.600 metri quadrati di superficie che consente di raddoppiare la produzione arrivando a 30.000 kg di prodotto al giorno giorno e a 40.000 quintali di prodotto all’anno anno.  “Questo stabilimento è davvero unico, nel panorama nazionale, per dimensioni e tecnologia. – ha affermato Lauro Guidi, presidente Consorzio Agribologna – Stiamo brevettando anche un nuovo impianto di pesatura automatica, con l’Università di Padova”. Parla di successo invece Simona Caselli, assessore alla Regione Emilia-Romagna e presente all’inaugurazione. Soddisfazione anche da Rita Ghedini, Presidente Legacoop Bologna e Giovanni Monti, Presidente Legacoop Emilia-Romagna.

Nel nuovo stabilimento quattro nuove linee di prodotto già operative tra le quali un macchinario per lo sgrappolamento dell’uva e una nuova area dedicata alla produzione del bio, separata dal trattamento del prodotto convenzionale. In questo momento vengono lavorati nel complesso Cocomero, Clementina, Fragola, Kiwi, Caco, Mela, Melagrana, Melone, Mirtillo, Nettarina, Pera, Uva e, a completamento della gamma, Ananas, Papaya, Mango e Cocco.

Scrivi un Commento