Ortomad_Superbanner mobile_6-12feb_2023
Orsini e Damiani_top news_6-12feb_2023
La Grande Bellezza_top news aziende_6-12feb_2023
MySnack Prodotti Trend e Mercati

Nocciola, spariscono le Langhe dalla Tonda Gentile

Nocciola

La varietà di nocciola Tonda Gentile non dovrà più essere affiancata dal nome delle Langhe. E’ questo quanto è emerso dall’incontro svoltosi l’altro ieri a Roma tra il vice ministro all’Agricoltura, Andrea Olivero, e l’assessore all’Agricoltura del Piemonte, Giorgio Ferrero. La decisione è stata presa allo scopo di evitare fraintendimenti a danno dei consumatori ed escamotage da parte di qualcuno. In tal modo, infatti, si pone anche un punto fermo nell’annosa vicenda della denominazione del materiale vivaistico destinato alla produzione di nocciole Piemonte I.G.P. e si colmano lacune verificatesi negli anni passati, quando ad esempio in un paese come l’Olanda, nel 2012, fu registrato materiale vivaistico con il nome di “Langhe”.

L’assessore Ferrero ha dichiarato in proposito: “Con questo incontro abbiamo messo la parola fine alla questione della denominazione delle piante di nocciolo in Italia. Rimane, invece, una dura battaglia a livello europeo, dove sarà necessario anteporre le giuste rivendicazioni dei produttori che non vogliono assimilare il nome di un territorio importante come quello delle “Langhe” ad un prodotto coltivato al di fuori di questa zona. Sarà dunque nostra cura coinvolgere le istituzioni e i Parlamentari europei del territorio per intraprendere un percorso che vada a tutelare anche a livello comunitario la nostra nocciola”.

Il vice ministro Andrea Olivero ha aggiunto: “Ritengo questo incontro fondamentale per rafforzare un processo di tutela a favore della varietà Tonda Gentile. Lavoriamo a stretto contatto con l’Assessorato, spinti dal comune interesse di rafforzare il legame tra prodotto e territorio d’origine senza dimenticare che è nostra priorità la tutela del consumatore”.

La varietà di nocciola Tonda Gentile Trilobata ha una produzione concentrata nelle province di Cuneo, Asti e Alessandria, in un areale compreso tra le colline delle Langhe, del Roero e del Monferrato. La denominazione I.G.P. garantisce agli utilizzatori ed ai consumatori la qualità e l’autenticità del prodotto. Tra le sue caratteristiche vi sono: forma sferoidale del seme, gusto ed aroma eccellenti dopo tostatura, elevata pelabilità, buona conservabilità.

(Visited 26 times, 1 visits today)
superbanner