Carton_Pack_topnewsgenerali_04/07-18/07
Politiche agricole

Agricoltura: si apre sfida finanziamenti ordinari per le imprese

Avatar
Autore Redazione

Quasi 7 miliardi di crediti durante il Covid. L’Abbate: “Ora fino a 500mila euro in conto garanzia. E regime de minimis per crediti a breve”

“Consentire l’accesso dell’agricoltura allo strumento principale per fare credito, ossia la garanzia pubblica, al pari degli altri settori. Era questo l’obiettivo prefissato con la modifica normativa al Dl Cura Italia che ha permesso l’accesso diretto al Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese di Mediocredito centrale alle imprese agricole, della pesca o dell’acquacoltura. Dall’effettiva operatività nel luglio 2020 a oggi, sono stati erogati finanziamenti dagli istituti di credito, garantiti dallo Stato, per oltre 5,6 miliardi di euro in risposta a 33mila domande. A ciò si aggiungono 1,2 miliardi di euro per moratorie sul credito (44mila domande) garantite sempre dal Fondo di Garanzia per le PMI”. Lo dichiara il deputato Giuseppe L’Abbate, esponente M5S in commissione Agricoltura e promotore del ‘Progetto Credito’ quando era sottosegretario al ministero delle Politiche agricole durante il Governo Conte II.

“Parliamo di quasi 7 miliardi di euro, che sarebbero mancati senza la modifica normativa da noi promossa e sostenuta – aggiunge – Ora si attendono i risultati dell’operatività al di fuori del quadro temporaneo di aiuti Covid, divenuta effettiva il 16 marzo scorso dopo un lavoro di concertazione tra Mise e Mipaaf”.

“È qui che ci attende una nuova sfida, soprattutto alla luce dell’ampiezza degli investimenti realizzabili e della disponibilità quantitativa dell’agevolazione, ossia fino a 500mila euro in conto costo garanzia – prosegue L’Abbate – mentre il regime de minimis potrebbe finanziare i crediti a breve con prodotti revolving legati alla gestione aziendale. Inoltre, come indicato da Antonio Patuelli, presidente dell’Associazione Bancaria Italiana (ABI), l’agricoltura ha indici di sofferenza del tutto inferiori agli altri settori, questo ci fa auspicare che Mediocredito Centrale provveda a un sistema diverso di calcolo del costo garanzia per il sistema agricolo, aumentandone le capacità di finanziamento”.

“Tutte queste operazioni, però, necessitano di grande coordinamento affinché si realizzino tutte le potenzialità degli strumenti a disposizione con l’obiettivo di garantire una crescita sostenibile alle imprese agricole” conclude.

Fonte: Movimento 5 stelle

(Visited 76 times, 1 visits today)