Carton_Pack_topnewsgenerali_04/07-18/07
Packaging e Tecnologie

Prodotti ortofrutticoli, come accrescerne la conservabilità

Avatar
Autore Redazione

Un progetto di ricerca coordinato da Italia Ortofrutta mira a migliorare il post raccolta. I test su arance, ravanelli, carote, pomodori

Partito il nuovo biennio del progetto “Attività volte alla verifica dell’incremento della conservabilità in post raccolta di frutta e ortaggi mediante la sperimentazione di un dispositivo di foto ossidazione idrata catalitica” coordinato da Italia Ortofrutta Unione nazionale di responsabilità scientifica dell’Università degli studi della Tuscia di Viterbo che vede coinvolte 25 Organizzazioni dei produttori.

Il progetto, che ha l’obiettivo di valutare l’impatto della tecnologica di foto ossidazione idrata catalitica (Pco) in termini di miglioramento della conservabilità, qualità e salubrità dei prodotti ortofrutticoli e che già nel primo biennio 2020-21 ha visto la conduzione di prove sperimentali su 12 prodotti ortofrutticoli, ha preso il via con una giornata di training svolta a favore dei tecnici delle Op direttamente coinvolti nelle prove sperimentali.

La giornata di training si è conclusa con la calendarizzazione delle attività sperimentali prodotto specifiche per l’anno 2022 che sono previste per le referenze arance (Op Frujt), ravanelli (Ortolanda), carote (Colle d’Oro), pomodori (Vittoria Tomatoes), pere (Ortocal) e kiwi (Zeoli Fruit).

A oggi, relativamente all’annualità in corso, sono state completate le prove sul prodotto arance, ravanelli carote e sono in corso quelle sul prodotto pomodoro.  

Fonte: Italia Ortofrutta

(Visited 52 times, 1 visits today)