vog_topnews_07set-02nov
Packaging e Tecnologie Focus del mese

Sprint: il cliente chiama, Ilip (tempestiva) risponde

Innovazione, sostenibilità ed ecodesign alla base del servizio dell’azienda bolognese. In 6 settimane un imballaggio tailor made

Nomen omen, nel nome il destino. Si sta parlando di Sprint, o meglio S.Pr.In.T (Special Products & Innovative Technologies), il nuovo servizio di Ilip che promette di realizzare imballaggi per l’ortofrutta non soltanto personalizzati, ma anche in tempi ridotti rispetto agli standard di riferimento.

L’azienda bolognese del gruppo Ilpa – nota nella progettazione e produzione di soluzioni d’imballaggio per alimenti in plastica termoformata e in bioplastica – ha colto l’occasione di Macfrut Digital (8-10 settembre 2020) per presentare il servizio alla filiera: Sprint è un progetto destinato a cambiare radicalmente, e in positivo, l’approccio con la clientela – spiega Roberto Grandi, product manager Ilip e coordinatore Sprint – I nostri clienti sono sempre più coinvolti in prima persona e tutti, singolarmente, potranno diventare realmente partner per lo sviluppo di soluzioni innovative di imballaggi. Negli ultimi anni abbiamo visto quanto il nostro settore sia stato attraversato da profondi cambiamenti, sia in termini di tecnologie, sia di materiali. I tempi sono ora maturi per offrire al mercato tutta la nostra esperienza e professionalità per soluzioni sempre meno seriali e sempre più calibrate sulle specifiche esigenze di un singolo cliente, un singolo mercato, una singola referenza”.

L’imballaggio è su misura

Dunque Sprint non è un prodotto, e non è nemmeno una soluzione. Semmai, come fanno sapere dall’azienda, si tratta di un servizio fino a oggi inedito che consentirà all’azienda di sviluppare prodotti su misura attraverso una rigorosa gestione del processo – pianificazione, realizzazione, costi, tempi – e permetterà di individuare la piattaforma tecnologica migliore nell’ottica dell’ecodesign e della sostenibilità ambientale.

Nella pratica, il cliente indica una particolare esigenza per l’imballaggio di un determinato prodotto e Ilip, grazie a Sprint, risponde selezionando le macchine, gli stampi, i criteri progettuali e i materiali più pertinenti. Non solo: l’azienda si impegna a consegnare i primi ordini in serie entro sei settimane dall’approvazione finale del progetto. I vantaggi di questo servizio sono numerosi e immediati, tali da consentire sia la realizzazione di veri e propri imballaggi personalizzati, sia di prodotti innovativi, sviluppati su tematiche specifiche per il mercato e con caratteristiche distintive in termini di design, funzionalità, prestazioni e sostenibilità ambientale.

Ilip a Macfrut Digital: non solo Smart 

Sliptray. il cestino ibrido in plastica e cartone per il confezionamento di frutta premium

Accanto al progetto Sprint, nell’edizione digital di Macfrut, Ilip ha presentato anche Sliptray, un’inedita soluzione che abbina cartoncino e r-PET permettendo così, contemporaneamente, massima visibilità del prodotto e comunicazione, poiché informazioni e contenuti grafici possono essere stampati facilmente. Non solo: nello stand virtuale dell’azienda bolognese non sono mancati Life+, l’imballaggio attivo di Ilip e Sef, il Soft fruit protector per frutti tondi delicati, con tanto di sistema brevettato per l’assorbimento degli urti. Infine Smartripe, il packaging intelligente pensato per frutti tropicali  – avocado, papaya, mango – in grado di fornire al consumatore informazioni circa le fasi di maturazione del frutto, monitorando parametri specifici di qualità attraverso un tag senza batteria incorporato, ma sensibile alle onde radio.

(Visited 82 times, 1 visits today)