vog_topnews_07set-02nov

Riorganizzazione in casa Sant’Orsola

Si conclude la collaborazione con il direttore Michele Scrinzi. Al via una nuova fase per affrontare la grande crescita

“Crisi di crescita” e ancora “passaggio epocale”. Sono queste le parole di Silvio Bertoldi, presidente di Sant’Orsola, la Cooperativa di Pergine Valsugana in provincia di Trento, leader in Italia nella produzione e commercializzazione di piccoli frutti, fragole e ciliegie tardive. Per affrontare, quindi, la grande crescita dell’azienda trentina, che nel giro di pochi anni è passata da una dimensione quasi artigianale ad una industriale, con un fatturato di 50 milioni di euro e la presenza dei propri prodotti tutto l’anno, il consiglio di amministrazione ha deciso intraprendere un nuovo percorso che passa dalla scelta di un nuovo piano industriale, non senza dover fare, come dice lo stesso presidente, anche scelte dolorose. Tra queste la conclusione del rapporto con il direttore Michele Scrinzi e la scelta, invece, per affrontare questa nuova fase di grande dinamismo e crescita, di avvalersi della consulenza di Fabio Rizzoli che continuerà contemporaneamente a seguire anche gli interessi delle aziende siciliane del Gruppo Mezzacorona. «Abbiamo chiesto a Rizzoli di accompagnarci in questa svolta dalla dimensione artigianale a quella industriale – ha dichiarato Bertoldi – a breve sceglieremo un nuovo coordinatore. Nei prossimi consigli individueremo le tappe del miglioramento, perché vogliamo aggiungere nuovi successi a quelli che abbiamo ottenuto fin qui. Lo facciamo per i nostri soci».

Fonte foto: Vitatrentina.it

(Visited 7 times, 1 visits today)