VOG_TopNewsgenerale_21nov-18dic

Pink Lady: problemi di qualità in Australia

Sono allo studio nuove varietà più colorate

Secondo il sito web australiano Seven.com.au, quest?anno le mele Pink Lady australiane non stanno sviluppando colore e alcuni supermercati rifiutano di metterle in assortimento. I produttori hanno dovuto utilizzarle per l?alimentazione del bestiame.

La mancanza di sovracolore rosa significa potenzialmente un grosso scarto, siccome le due più importanti aziende del dettaglio alimentare Coles e Woolworths chiedono che le Pink Lady siano rosa. Non accetteranno Pink Lady verdi nonostante il sapore sia lo stesso di quelle rosa. I raggi solari solitamente colorano le mele, ma quest?anno non è successo, affermano i produttori. Tre settimane fa gli alberi scoppiavano di frutti, ma non essendo presente il colore tipico rosa non aveva senso raccogliere. Il segretario nazionale dell?Unione Australiana dei Lavoratori, Bile Shorten, afferma che i produttori sono spesso ostaggi dei desideri di Coles Myer o Woolworths. Ma entrambe i supermercati, continua Shorten hanno creato sussidi per la situazione critica. Woolworths ha portato la colorazione rosa minima delle Pink Lady al 40%, mentre Coles l?ha portata a 45%.

Coles Myers dice di aver agito sui consigli della ditta Fresh Fruit australiana. Il direttore Andrew Dick, ha affermato che c?era la tendenza tra i compratori di mele australiane di ricercare il colore. “La scelta del colore va a discapito del consumatore perché le mele non colorate hanno un sapore migliore” afferma A. Dick.

I produttori hanno detto che non potranno rischiare un?altra stagione simile e sarebbero disposti a dire addio alle Pink Lady come le conosciamo adesso.”Ci sono nuove varietà di Pink Lady con più colorazione e quelle che chiamiamo Pink Lady normali saranno probabilmente una cosa dimenticata nei prossimi anni” afferma il produttore Rob Chaplin.

La varietà sostitutiva è stata chiamata Rosy Glow, e sarebbe all?altezza del suo nome. Allo stesso tempo i produttori stanno incoraggiando i consumatori a dare il via alle pink Lady “verdi”.

(Visited 17 times, 1 visits today)