VOG_TopNewsgenerale_21nov-18dic

Eva e Dora: due nuove fragole

Nuove varietà veronesi dopo 10 anni di ricerca

Le nuove varietà presentate vanno a consolidare la risposta che il Servizio Agricoltura della Provincia di Verona dà alle esigenze dei fragolicoltori veronesi. Eva e Dora: sono i nomi delle due nuove fragole ottenute nel veronese al termine di dieci anni di ricerca, dopo 39 mila semenzali ottenuti da 574 combinazioni d?incrocio con 2047 selezioni e altri 7.200 semenzali valutati nella primavera del 2005. La presentazione delle due nuove «rosse» è avvenuta nella Sala Rossa dei Palazzi Scaligeri, alla presenza dell’assessore all’Agricoltura della Provincia di Verona, Dionisio Brunelli, della presidente di Apo Scaligera, Rossana Schimento, e del direttore dell’Istituto sperimentale per la Frutticoltura di Forlì, Walter Faedi.

Il progetto «Miglioramento genetico della fragola per il Veronese», avviato nel 1995 dai tre enti, risponde alle carenze più volte segnalate dai produttori nel 1995 riguardanti la tecnica di coltivazione autunno-primaverile, tecnica che consente di ottenere dalle stesse piante un raccolto in autunno e uno in primavera e richiede l?utilizzo di piante appositamente preparate e con caratteristiche particolari. Già nel 2004 era stata diffusa Irma, considerato il primo concreto risultato, ma Eva e Dora, viste le loro ottime caratteristiche, portano avanti l’attività del progetto di ricerca migliorandone le strategie di lavoro e affinando gli obiettivi. Per vincere la forte competizione sui mercati, sottolineano i responsabili del progetto, occorre offrire un prodotto omogeneo, di forma perfetta, di colore brillante, di buon sapore, con elevata consistenza della polpa.

(Visited 20 times, 1 visits today)