VOG_superbanner mobile_13mag-2giu_2024
Giga_top news_13mag-9giu_2024
Frutta a guscio ed essiccata

Mandorle, le stime internazionali

Il punto delle produzioni in Australia, Stati Uniti, Spagna e Portogallo

Il report dell’INC su Nutfruit Magazine, il maggiore organo di diffusione dei dati sulla frutta a guscio a livello internazionale, a marzo ha presentato gli aggiustamenti delle stime produttive per la campagna 2024. Ecco il punto sulle mandorle dai principali paesi produttori.

Stati Uniti

Il report di gennaio 2024 dell’Almond Board of California (pubblicato il 9 febbraio 2024) indicava un raccolto di circa 1,1 milioni di tonnellate per l’anno in corso. Gli incassi del raccolto 2023/24 sono inferiori a quelli del raccolto 2022/23 del 3,39%.

Le ricevute dell’USDA mostrano una percentuale media di scarti non commestibili del 4,19%, il che sottolinea la pressione degli insetti sul raccolto 2023/24. Le spedizioni totali da agosto 2023 a gennaio 2024 sono aumentate del 9% rispetto all’anno precedente. Le scorte sono diminuite dell’11% a causa dei minori introiti del raccolto e dell’aumento delle spedizioni all’estero.

Le spedizioni nazionali sono diminuite leggermente (-0,6%) rispetto al 2022/23, attestandosi a circa 164.000 ton. Le spedizioni per l’esportazione sono aumentate del 12% con quasi 462.000 tonnellate. Le spedizioni verso la principale destinazione di esportazione, l’India, sono aumentate del 25%, circa 108.000 ton.

Le spedizioni verso l’Europa e il Medio Oriente/Africa sono aumentate dell’8% ciascuna. A metà gennaio, il protrarsi del conflitto nel Mar Rosso ha causato ritardi nel transito dei prodotti in Medio Oriente, oltre a un sostanziale aumento dei costi di spedizione.

Gli acquirenti hanno quindi cercato di ricostruire rapidamente le scorte. Anche se le dimensioni definitive del raccolto 2023/24 erano ancora in fase di al momento della stesura del rapporto, con la maggior parte del raccolto
consegnato entro la fine di gennaio e gli scarti più elevati, le fonti del settore si aspettavano un raccolto 2023 inferiore alla stima USDA di circa 1,1 milioni di tonnellate.

A causa dell’aumento delle spedizioni e del raccolto potenzialmente inferiore, le fonti del settore prevedevano un inventario finale inferiore a circa 272.000 ton.

Il mercato si aspettava un primo assaggio del potenziale del raccolto 2024/25 con la fioritura di febbraio. Fino a quel momento, le ore di freddo e e l’allegagione delle gemme erano state soddisfacenti.

Australia

Secondo l’Almond Board of Australia (ABA), la stima del raccolto per la stagione 2024/25, al momento della stesura del rapporto, era di 164.700 tonnellate. Questa previsione è del 59% rispetto all’apporto ufficiale della stagione 2023/24, pari a 103.381 tonnellate, e rappresenta un ritorno a rese di tipo medio nelle cinque regioni
regioni australiane.

I dati di mappatura territoriale LandIQ rilasciati dall’ABA nel 2023 hanno confermato che l’impronta del settore, in gran parte nel Murray Darling Basin meridionale, era di poco superiore ai 62.400 ettari. La previsione per il 2024 colloca la produzione di mandorle di nuovo sulla traiettoria delle 200.000 tonnellate nei prossimi 3-5 anni.

La domanda di mandorle australiane è rimasta forte, con le vendite dell’industria per il 2023/24 che hanno superato novembre.

Spagna

Nonostante le condizioni climatiche non favorevoli durante il ciclo di coltivazione, il raccolto 2023/24 è stato stimato, al momento della stesura del rapporto, attorno alle 100.000 ton, inferiore a quanto previsto all’inizio della stagione, ma in aumento rispetto al basso raccolto del 2022/23 e ai livelli del 2021/22 e 2020/21. Mentre la produzione continua ad aumentare grazie alle nuove superfici coltivate, le calde temperature invernali e la grave siccità potrebbero influire sulla produzione del 2024.

Portogallo

Come riportato da Portugal Nuts, il raccolto 2023/24 era, al momento della stesura del rapporto, previsto di circa 20.000 ton, in aumento del 21% rispetto al 2022, grazie a un buon periodo di fioritura e all’aumento degli ettari coltivati. Il raccolto è iniziato leggermente prima rispetto alla scorsa stagione e si è protratta per un paio di settimane a causa di forti piogge verso la fine. La siccità nel Portogallo meridionale, unita alle restrizioni idriche per l’irrigazione, ha prodotto frutti di dimensioni inferiori ma di qualità superiore.

(Visited 158 times, 1 visits today)
superbanner