superbanner mobile
Aruba_TopNewsfruttasecca_21nov-18dic_2022
VOG_TopNewsgenerale_21nov-18dic
Frutta a guscio ed essiccata

Nocciole: in Calabria prosegue la partnership con Ferrero

Avatar
Autore Redazione

Mario Caligiuri: “Contiamo di impiantare altri 100 ettari di noccioleti nel 2023”

“Nonostante la pandemia e la crisi internazionale, il progetto Nocciola Italia in Calabria va avanti e contiamo di impiantare altri 100 ettari di noccioleti nel 2023. Obiettivi che si possono raggiungere se al nostro fianco avremo le istituzioni, a partire dalla Regione, e gli  istituti di credito”. Lo ha detto il presidente della rete di imprese Mario Caligiuri nel corso dell’annuale riunione dei soci di Calabria in Guscio, che promuove il progetto Nocciola Italia del Gruppo Ferrero, tenutasi a Lattarico (Cosenza) nella splendida cornice di Tenuta Contessa Relais Country House.

La rete, nata nel 2019, vanta ad oggi oltre 80 associati, tutte imprese agricole che hanno impiantato i noccioleti  su circa 100 ettari tra le province di Cosenza, Catanzaro, Vibo e Crotone. Impianti che in parte, e a breve, andranno in produzione. “Nonostante l’annata siccitosa in Italia – ha spiegato Caligiuri – l’installazione di impianti d’irrigazione efficienti consentirà agli associati calabresi di avere una maggiore produttività e quindi una resa maggiore dei nostri noccioleti, rispetto ai colleghi del centro e del nord Italia.”

“Calabria in guscio, quale maggiore organizzazione corilicola regionale per estensione – precisa il socio Putrino – attraverso l’ausilio degli agronomi convenzionati, ha già validato nuovi appezzamenti di terreno per circa 80 ettari. Attivando le misure del Piano di sviluppo rurale della Regione Calabria e del Contratto di Filiera del Ministero, si conta di arrivare ad impiantare 100 ettari nel 2023 e di raddoppiare la produzione nei prossimi 4 anni. L’investimento del nocciolo, abbiamo sperimentato, ha un arco temporale di attesa per la raccolta del frutto che varia dai 3 ai 4 anni, a seconda dell’areale di produzione. Dal quinto anno inizia ad essere remunerativa la fase di raccolta”.

Il contratto sottoscritto con il Gruppo Ferrero consente agli imprenditori di avere un prezzo minimo garantito ed indicizzato sulla vendita del 75% del prodotto.

Nel corso della Tavola Rotonda che è seguita all’assemblea, dal titolo, “Il progetto Nocciolo Italia: opportunità per lo sviluppo di un0agricoltura sostenibile e di qualità” è intervenuto Franco Belmonte direttore Cia Calabria, che ha invitato le istituzioni a stare vicino agli imprenditori agricoli in questo periodo di grande difficoltà per l’aumento dei costi energetici e delle materie prime. “Siamo stati lungimiranti ad accogliere la proposta di Ferrero – ha sottolineato Belmonte – quando  altri  erano scettici. Parliamo di un gruppo aziendale di primo piano serio per l’impegno sociale ed etico, che consente agli imprenditori di sviluppare le aziende sapendo che il prodotto è già collocato”. Un elemento, questo, che piace molto alle banche. “Ci vogliamo essere, per noi è un settore sfidante” – hanno detto Salvatore Amato, direttore di Agribusiness Campania sud e Calabria del gruppo Intesa San Paolo, e Giuseppe Ripoli, direttore dell’area di Cosenza e provincia, che hanno illustrato alla platea la filosofia della nuova struttura creata dal gruppo bancario per essere sempre al fianco delle imprese agricole.

Banca Intesa, per venire incontro agli aumenti dei costi energetici, ha sviluppato dei prodotti mirati per dare liquidità alle imprese. Andrea Sità del gruppo Monte Paschi di Siena ha aggiunto: “Le banche si stanno specializzando attraverso una finanza responsabile al fianco degli imprenditori”. La stessa Banca Bcc Centro Calabria, rappresentata dal capo area Cosenza e provincia, Daniele Pingitore, è sulla stessa linea e ha precisato di aver già finanziato alcune realtà della Calabria in guscio. Il consulente Giuseppe Zappa e il direttore di Agrifidi Luca Palazzo hanno illustrato il ruolo della struttura, che facilita il lavoro tra la richiesta di credito delle imprese e l’offerta degli istituti bancari.

Il direttore generale del dipartimento l’Agricoltura, Giacomo Giovinazzo, ha ammesso che all’inizio era “scettico su questo progetto, poi ho cambiato idea”. E ha spiegato i motivi: “Nel 2007 abbiamo finanziato un polo corilicolo di imprenditori che, dopo anni, non sono riusciti a fare l’aggregazione che avete fatto voi in soli 3 anni. Voi fate una produzione moderna, che non sta catturando persone che già stanno nel settore agricolo, ma nuove imprese, e date valore aggiunto alla terra in modo diverso, spesso valorizzando i terreni incolti, ponendo un interessante elemento di diversificazione”.

La Regione, su iniziativa dell’assessore Gallo, ha emanato un bando per la frutta a guscio per aumentarne la produzione regionale, sempre più utilizzate dall’industria dolciaria e nelle diete salutiste.

La senatrice di Forza Italia Fulvia Caligiuri, presente anche nella veste di imprenditrice, ha rivendicato il ruolo avuto in Parlamento affinché il ministero emanasse bandi  di filiera per strutturare il settore, dalla produzione alla commercializzazione. “La Calabria ha bisogno di buoni esempi e questo progetto lo è, perché mette insieme imprenditori, banche, Regione e un colosso come Ferrero che dà certezza nel raggiungimento degli obiettivi”.

Per il gruppo Ferrero è intervenuto l’agronomo Francesco Adduci, responsabile area sud, che accompagna e sostiene la rete d’impresa nella formazione degli addetti in questo percorso di crescita di questa nuova coltura.

Nel corso dell’evento è stato previsto e ben accolto, anche, l’ assaggio del primo raccolto di nocciole ad opera dei soci che hanno impiantato le prime piante nel 2019. Alla fine della serata,  il tutto è stato allietato da un ricco buffet, offerto da Calabria in Guscio e preparato dagli chef Adelio Izzo e Roberto Chiarelli di Tenuta Contessa, con alcune delizie a base di nocciole.

Fonte: Calabria in Guscio

(Visited 3.026 times, 1 visits today)
superbanner