Cultiva_SuperMobile_12ago-4sett
Interpoma_topnews_1ago-11sett
Frutta a guscio ed essiccata

Nocciola Romana Dop: la siccità provoca problemi di cascola

Antonio Sciardiglia: “Stimiamo di avere perso il 30% del raccolto. Ma il prodotto in commercio sarà di buona qualità

Arrivano nuove conferme sui danni che il grande caldo di queste settimane sta provocando nelle campagne di tutta Italia, anche a chi fa corilicoltura. A intervenire, interpellato da myfruit.it, è Antonio Sciardiglia, titolare dell’azienda agricola biologica “La Fescennina” di Corchiano (Viterbo).

“Le alte temperature – spiega Sciardiglia – hanno provocato una forte cascola, a causa della quale stimiamo di avere perso circa un 30% del potenziale raccolto. Sicuramente, la campagna 2022 sarà comunque senz’altro migliore di quella del 2021, che fu falcidiata dalle gelate tardive primaverili. Per quanto riguarda la qualità, le nocciole in commercio saranno comunque buone, anche per la cernita che riusciamo a fare a monte, eliminando quelle rovinate”.

E’ una scelta molto coraggiosa, quella di Sciardiglia, che ha deciso nel suo appezzamento di 25 ettari di rispettare non solo il disciplinare della Romana Dop, ma anche quello del biologico. “So che questo metodo dà meno risultati in termini quantitativi – aggiunge – ma è una scelta in cui credo e che rifarei”.

La Fescennina, che produce proposte sia per il cliente professionale (semilavorati per gelaterie, pasticcerie, ecc.) sia per il privato (come le creme spalmabili), continua intanto a farsi apprezzare in Italia e non solo. “Abbiamo già avuto contatti con alcuni potenziali acquirenti esteri – prosegue il titolare de La Fescennina – e questo mi fa piacere perché potrebbero aprirsi anche per la mia azienda nuovi sbocchi commerciali”.

Non mancano, del resto, novità in arrivo. “Per la nuova stagione – conclude Antonio Sciardiglia– presenteremo le nostre praline alla nocciola, in tre diverse declinazioni: coperture al sale, al cioccolato o allo zucchero“.

(Visited 48 times, 1 visits today)
superbanner