Ortomad_Superbanner mobile_30gen-5geb_2023
Syngenta_top news_16gen-5feb_2023
DOLE_top news 2_16gen-19feb_2023
Frutta a guscio ed essiccata MySnack

Cocktail e distillati & frutta secca. I consigli di Fiorenzo Detti

Tanti concorsi Aibes (Associazione Italiana Barman e Sostenitori) alle spalle e poi una lunga carriera in Ais (Associazione Italiana Sommelier), culminata nel 2010 con l’elezione a presidente della sezione lombarda (circa 5000 soci), non prima di aver ricoperto molti ruoli a livello sia regionale che nazionale. È Fiorenzo Detti , pavese, una vita dietro il bancone (l’ultimo, in ordine di tempo il Peter Shaker Club, a Pavia, davanti al ponte coperto sul Ticino), con una forte specializzazione nell’altra faccia, se vogliamo, dell’offerta del bere di qualità, oltre al vino: distillati e cocktail.

«Per tanti anni, al momento dell’aperitivo, ho studiato molte proposte da abbinare nel cosiddetto happy hour. E ovviamente, la frutta secca ha sempre ricoperto un ruolo fondamentale». Nocciole, arachidi, mandorle, pistacchi naturalmente «da abbinare a spumanti, aperitivi tradizionali sodati, cocktail in genere, che introducono magnificamente la successiva cena». Preferenze da parte dei clienti? «Sicuramente mandorle e nocciole sono amate, perché si consumano con meno frequenza rispetto a pistacchi o, soprattutto, alle arachidi». Tra gli abbinamenti più sfiziosi anche quelli con i distillati: «In questo caso sono ideali arachidi e mandorle caramellate con distillati bianchi, acqueviti di frutta, servite fredde».

Dove rifornirsi? «Dipende dai volumi di consumo: c’è chi va in Gdo o nei Cash & Carry, o chi, come nel mio caso, da piccoli grossisti locali». Quanto incide nel food cost dell’aperitivo l’offerta di frutta secca? «Dipende dalla qualità ovviamente. Rientra nel prezzo del cocktail che proponi».

(Visited 483 times, 1 visits today)
superbanner