Aziende

GreenProject propone l’acquisto solidale su fragole e asparagi

acquisto solidale green project

L’azienda romagnola fondata da quattro giovani imprenditori investe nel sociale: il 5% dell’incasso al Banco di solidarietà di Cesena

Due prodotti di punta del momento, come fragole e asparagi, diventeranno anche buoni pasto per le persone più in difficoltà. Questa, in estrema sintesi, è l’idea che sta alla base della nuova iniziativa di GreenProject, ai nastri di partenza proprio in queste ore.

“Tramite il progetto “Acquisto solidale” – spiega Filippo Casali, socio titolare di Green Project assieme a Riccardo Brandolini, Raffaele Rattini e Samuele Lombardi – ci siamo impegnati a donare il 5% dei nostri incassi su fragole e asparagi al Banco di solidarietà di Cesena, che trasformerà la nostra donazione in buoni pasto per i meno abbienti. I nostri clienti, facendo la spesa nel negozio online www.greenproject.store, troveranno su questi due prodotti un bollino blu: questo sta a indicare che parte del valore di quel prodotto verrà alle famiglie più bisognose. Il nostro obiettivo è quello di raggiungere i 2mila euro di donazione con questa iniziativa”.

Intanto, sulla campagna fragole e asparagi, Casali aggiunge: “La gelata di questi giorni, soprattutto per le fragole, non ci voleva. Le premesse erano ottime fino a pochi giorni fa. Comunque, per le fragole avremo inizialmente prodotto da due nostre aziende partner, sempre del territorio (una romagnola e una al confine tra Romagna e Marche), poi raccoglieremo tra una decina di giorni anche dagli impianti di nostra proprietà. Per gli asparagi, invece, ci sono meno problemi”.

Anche dal punto di vista distributivo, si conferma la forte dinamicità di questa giovane azienda, nata con solo 20mila euro di capitale iniziale. Oltre alla copertura sulle province di Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna, continua l’espansione sulla piazza di Bologna. “Rispetto a inizio anno – conclude Casali, oltre alle province di Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna, stiamo coprendo molto di più anche tutta la zona di Bologna, dove inizialmente eravamo presenti solo in città e invece ora riusciamo a coprire pressoché tutta la provincia, compresi diversi comuni appenninici. Visto che sta continuando ad aumentare il fatturato, abbiamo assunto anche altre tre persone”.

(Visited 31 times, 1 visits today)
MYTECH_bottomnews_30ott-30aprile