macfrut_topnews_02-16ago
Retail

Coop: al via la terza edizione di “Cosa sarà?”

Streameeting di Coop
Avatar
Autore Redazione

Lo streameeting quest’anno parla di etica, lavoro e parità di genere sulle piattaforme di repubblica.it, ilgusto.it e lastampa.it

Il format “Cosa sarà?”, lo streameeting di Coop, giunge alla sua terza edizione. Questa volta – dal palco della masseria di Nicola Giuliano, storico fornitore di Coop con filiera etica certificata – si parla di etica e lavoro.

Intorno allo stesso tavolo intellettuali, artisti e lavoratori: in onda stasera alle ore 20.30 sulle piattaforme di repubblica.it, ilgusto.it e lastampa.it, la serata condotta dai giornalisti Gino Castaldo e Natascha Lusenti, sarà l’occasione per aprire il dibattito sulla filiera etica e sulla filiera fragile, cioè quella che vede presenti sui campi e nei magazzini anche le donne.

Tra gli ospiti illustri che saranno presenti fisicamente o si collegheranno da remoto, oltre a Maura Latini, Ad di Coop Italia, che dialogherà sul tema di etica e lavoro con Francesco Manacorda, caporedattore economia e finanza de La Repubblica, e Mario Cifiello, presidente Coop Alleanza 3.0, ci saranno Vito Mancuso con una riflessione originale sull’etica, Don Ciotti da sempre in prima linea nella denuncia dello sfruttamento del lavoro sui campi, Veronica Pivetti che leggerà brani di Alessandro Leogrande e ancora Noemi, il rapper Murubutu, l’Orchestra dei Braccianti composta da musicisti-lavoratori dei campi, la banda municipale di Conversano e la resident band Stefano di Battista quartet.

Poi i racconti dai campi: l’esperienza di Nicola Giuliano, le calabresi sorelle Minisci, coltivatrici donne nella piana di Sibari, la filiera etica del pomodoro con la cooperativa Terre di Puglia – Libera terra e con l’azienda Frontino e l’impegno di controllo e certificazione di lavoro etico svolto da Michele Carletti di Bureau Veritas. In alcuni casi si tratta di interventi realizzati ad hoc per “Cosa sarà?”, in altri momenti di dialogo e approfondimento.

Etica, lavoro e parità di genere

maura latini ad coop italia

Maura Latini

“Il lockdown ci ha insegnato a utilizzare nuovi strumenti ma questa volta non abbiamo voluto rinunciare all’emozione di guardarci di nuovo negli occhi aprendo la platea ai nostri soci e ai lavoratori delle realtà che ci ospitano e che si raccontano in questa serata insieme a noi – spiega Maura Latini – Il tema dell’etica e del lavoro ci vede impegnati da decenni, ma quest’anno abbiamo voluto fare un passo in più. Abbiamo preso la nostra campagna sull’inclusione, Close the Gap, e l’abbiamo calata là dove crediamo sia più faticosa la parità di genere cioè su quei campi in cui in queste settimane tante donne raccolgono per noi frutta e ortaggi. Stiamo già lavorando alla formazione di queste donne proprio nelle aziende in cui lavorano. Con lo streameeting abbiamo voluto aprire un dibattito sulla questione delle filiere fragili, per esserne sia promotori che per imparare dagli altri”.

Tutte le info e i dettagli per il collegamento e altro su www.e-coop.it
L’iniziativa rientra tra le azioni previste dal Piano di sostenibilità, ispirato ai 17 goal dell’Agenda Onu 2030. In particolare, questo evento risponde agli obiettivi di Tutela del patrimonio intergenerazionale.

Fonte: Coop Italia

(Visited 50 times, 1 visits today)
mytech_bottomnews