Il punto di Fruchthandel

28 giugno 2024

Pratiche perfide

180

La lotta al traffico internazionale di droga è senza dubbio uno dei compiti più urgenti del momento. Ma in tutta Europa devono prevalere anche condizioni di concorrenza eque, affinché il settore della frutta, sempre più a basso margine, non subisca ulteriori pressioni. Così inizia l'editoriale di Michael Schotten sul numero 24 di Fruchthandel.

Non c'è praticamente nessun altro campo che offra così tante opportunità, ma anche così tanti pericoli, come la digitalizzazione. Tutti noi ne siamo consapevoli nella nostra vita privata, quando si tratta di transazioni bancarie, procedure amministrative digitali, processi di identificazione senza sforzo o semplicemente quando facciamo acquisti online. Nessuno vorrebbe farne a meno. Ma cosa succede se la nostra fiducia e credulità vengono sfruttate e, nel peggiore dei casi, siamo vittime di truffe? Questo accade ormai in modo così malizioso che anche i "nerd digitali", cioè gli utenti particolarmente esperti, possono cascarci. Si tratta di una minaccia per le aziende e persino per intere società, le cui fondamenta economiche e democratiche possono vacillare più velocemente di quanto si possa pensare. Una recente valutazione dell'Ufficio federale tedesco per la sicurezza informatica (BIS) ha concluso che la Germania è piuttosto indifesa contro gli attacchi hacker su larga scala.

Una gestione funzionale delle crisi sembra appartenere al passato. In quanto presunto anello più debole della catena di sicurezza, il "fattore umano" è sempre più bersaglio di attacchi informatici, la cui parola chiave è "ingegneria sociale". Anche l'Associazione tedesca per il commercio della frutta (DFHV) ha posto questo tema all'ordine del giorno della sua recente conferenza annuale presso il Zeche Zollverein, patrimonio mondiale dell'Unesco, a Essen. Gli attacchi sono raramente rivolti ai sistemi informatici, ma seguono piuttosto il principio della truffa del "nipotino". Costruire la fiducia, suscitare la disponibilità ad aiutare, ma anche sfruttare la paura dell'autorità. Pratiche insidiose per manipolare le persone, che dobbiamo tenere sotto controllo con le possibilità illimitate dell'intelligenza artificiale.

Questo è vero anche alla luce del continuo aumento del contrabbando di droga in bancali di frutta. Le forze criminali non rinunceranno a utilizzare tutti i tipi di metodi - e naturalmente l'intelligenza artificiale - per i loro scopi criminali. La situazione attuale è già abbastanza grave, poiché i dipendenti delle aziende sono sempre più esposti a minacce alla vita e all'incolumità fisica. Nel solo porto di Amburgo, le quantità di cocaina sequestrate aumenteranno di tre volte e mezzo tra il 2019 e il 2023, come è stato riferito durante la conferenza del DFHV. Ad Anversa e Rotterdam la cifra era ancora più alta. Il fatto che poche settimane prima sia stata firmata la cosiddetta "Dichiarazione di Amburgo", in cui i principali Paesi importatori, in particolare quelli di banane, si sono impegnati in una lotta concertata contro le droghe nell'ambito dell'"Alleanza portuale europea", è quindi tanto giusto quanto necessario.

Tuttavia, è anche necessario che gli importatori di frutta non debbano sostenere da soli il considerevole onere finanziario aggiuntivo dei controlli di sicurezza intensivi. La lotta al traffico internazionale di droga è senza dubbio uno dei compiti più urgenti del momento. Tuttavia, è necessario che in tutta Europa prevalgano condizioni di concorrenza eque, in modo che il settore frutticolo, sempre più a basso margine, non subisca ulteriori pressioni. Il sistema di controllo deve essere concepito in modo tale che la chiusura delle falle di sicurezza non comporti ritardi permanenti nella lavorazione delle merci. Le pratiche scorrette richiedono contromisure adeguate. È qui che le possibilità quasi illimitate dell'intelligenza artificiale dovrebbero poter essere utilizzate in modo più efficace di quanto non sia stato fatto finora", conclude Schotten.

Fonte: Fruchthandel Magazin

Potrebbe interessarti anche