Romagnoli_mobile_16/05-30/05
CPR_topnewstec_16/05-13/06
Aweta_topnewsgenerali_16/05-30/05
Nordovest_topnews_16/05-30/05
Packaging e Tecnologie In sintesi

Potatura del nocciolo: se ne parla a Caprarola

Avatar
Autore Redazione

La Op Assofrutti ha organizzato una giornata dimostrativa per venerdì 28 gennaio, allo scopo di presentare le novità tecnologiche

Assofrutti, organizzazione di produttori di frutta in guscio di Caprarola (Viterbo), in occasione delle operazioni di potatura dei noccioleti, effettuerà in collaborazione con la ditta Progeos prove con i suoi associati per constatare la possibilità di utilizzo dell’esoscheletro Mate XT di Comau. In particolare, per gli associati Assofrutti e cooperative aderenti, venerdì 28 gennaio 2022 dalle 8:30 alle 17:00 è in programma una giornata dimostrativa nel piazzale dell’ufficio tecnico Assofrutti in località San Rocco Strada Cassia Cimina Km 16 di Caprarola. Lo scopo di tale prova è potere fornire ai soci nuove strumentazioni e tecnologie per facilitare e agevolare le operazioni annuali più impegnative.

Tale esoscheletro è un supporto indossabile per gli arti superiori, sviluppato per assistere e alleviare lo sforzo dei lavoratori durante i movimenti ripetitivi delle braccia o il mantenimento per tempi prolungati di posizioni non ergonomiche (ad esempio il lavoro con braccia sopra la testa). E’ particolarmente d’aiuto, quindi, in tutte quelle lavorazioni in cui l’operatore esegue movimenti che richiedono un angolo corpo-braccio compreso tra i 60 e 120°. E’ un esoscheletro passivo, il cui funzionamento non dipende dall’uso di motori o batterie. Attraverso un meccanismo composto da molle pretensionate, fornisce un’azione antigravitazionale sulle braccia dell’operatore.

Con gli studi effettuati da Ospedale Valduce di Como e Fca Ergolab è stata misurata, in più di 100 operatori, una diminuzione dello sforzo dei muscoli elevatori delle spalle del 30%. Tra gli altri vantaggi si è riscontrata una possibilità di mantenimento di una postura statica maggiore di circa il 50% e un’efficienza produttiva più alta di circa il 10%. La riduzione di tale sforzo in questo tipo di lavorazioni rappresenta una misura efficace di prevenzione dello sviluppo di malattie muscolo-scheletriche nel lungo periodo.

Fonte: Assofrutti

(Visited 83 times, 1 visits today)
superbanner