Solarelli_TopNews_14-28ott
Fruttivendoli e non solo

FruttaWeb, 40mila clienti in tutta Italia

FruttaWeb_Macfrut2019

Il convegno dell’azienda al Macfrut: «Con l’alta qualità dei prodotti superiamo lo scoglio della diffidenza nell’acquistare ortofrutta on line»

Se da un lato il segmento food continua a crescere nell’e-commerce segnando un aumento del 34% nel 2018, a trainare le vendite non è di certo l’ortofrutta che rappresenta lo 0,5% del fatturato del settore. La maggior parte dei consumatori è ancora diffidente verso l’acquisto di frutta e verdura on line ma le potenzialità sono enormi e il trend sta crescendo, come dimostra l’esperienza di FruttaWeb presentata nel convegno organizzato a Macfrut per approfondire, con esperti ed imprenditori, i vantaggi dell’e-commerce anche in relazione alla vendita di ortofrutta. 

Nata come start up da un’idea del 27enne Marco Biasin, FruttaWeb ha chiuso il 2018 con un fatturato di 1,2 milioni di euro, con circa 40mila clienti in tutta Italia (uno scontrino medio è di circa 40 euro), e rappresenta il primo servizio nazionale per la consegna di frutta a domicilio. 

Il core business è costituito dalle vendite ai clienti privati ma da alcuni mesi il portale ha aperto una piattaforma B2B, dedicata al canale Horeca e ai dettaglianti. 

«Abbiamo iniziato a credere nell’e-commerce qualche anno fa per colmare il gap tecnologico nel settore dell’ortofrutta – ha spiegato Biasin dal palco di Macfrut – oggi abbiamo più di mille referenze fresche, dalla frutta esotica ai germogli e abbiamo 3 milioni di visitatori all’anno nella nostra piattaforma. Manteniamo un alto standard qualitativo dei nostri prodotti, per provare a sfondare il deterrente delle vendite on line: il cliente può essere diffidente nell’acquistare  frutta e verdura senza toccarla, senza annusarla, noi raccontiamo il prodotto. L’e-commerce è solo uno strumento».

Uno strumento che ha delle potenzialità enormi, come ha sottolineato al convegno Roberto Della Casa professore di Marketing e gestione dei prodotti agroalimentari all’Università di Bologna. «Le conoscenze attuali nei prodotti ortofrutticoli ad oggi sono ancora superficiali – ha detto – i contenuti ci sono e sono straordinari, il problema è farli emergere». Il web, e la commercializzazione della frutta via web, è uno strumento che può valorizzare i contenuti dell’ortofrutta e addirittura diventare una filosofia di acquisto. «Oggi la gente va nel punto vendita più vicino a casa perché è comodo, con la commercializzazione on line di frutta e verdura cambia la prospettiva: il cliente continua a comprare se è soddisfatto del prodotto che ha ricevuto». 

Tornando a FruttaWeb, l’azienda sta sviluppando la piattaforma dedicata all’HoReCa anche potenziando la piattaforma per smartphone poiché viene utilizzato dal 70% dei clienti che possono acquistare prodotti, anche a collo  o al chilo, e ogni giorno è al lavoro per inserire nel catalogo nuove referenze: «Abbiamo bisogno di arricchire i nostri prodotti».  

Scrivi un Commento