Focus GDO

Carrefour Italia punta su Filiera Qualità, biologico e prodotti locali

carrefour filiera qualità

L’insegna francese in Italia intende ampliare il parco dei piccoli produttori di ortofrutta specializzati e locali con attenzione a chi converte le proprie produzioni al biologico

Filiera Qualità, biologico e prodotti locali. Queste le tre leve su cui Carrefour sta costruendo la strategia di vendita nei reparti ortofrutta. Filiera Qualità  è un marchio che contraddistingue una gamma di prodotti freschi selezionati tra carne, pesce, frutta e verdura ottenuti attraverso un sistema di produzione sostenibile, «prodotti sviluppati in partnership con fornitori che garantiscono la tracciabilità di tutta la filiera produttiva e condividono con noi l’obiettivo di garantire al consumatore finale un prodotto dalle caratteristiche organolettiche ineccepibili» spiega Luca Fumagalli, direttore category management prodotti freschi tradizionali.

luca fumagalli carrefour

Luca Fumagalli, direttore category management prodotti freschi tradizionali di Carrefour

«Le strategie di Carrefour, non solo in Italia, sono di puntare principalmente sulla Filiera Qualità, sul biologico e sui prodotti locali, ovviamente sempre cercando di proporre il corretto rapporto qualità/prezzo, mantenendo una forte focalizzazione sulla competitività che rimane per il reparto un punto di forza fondamentale. Oltre a queste leve, l’azienda testerà nuovi concetti per cercare di anticipare sempre di più i nuovi trend di consumo».

Negli ultimi anni i trend di consumo hanno determinato una significativa evoluzione dell’offerta che ha portato a cambiamenti significativi nei reparti ortofrutta delle grandi catene.

«In primis – continua il dirigente Carrefour – si è passati da un acquisto centrato su medi-grandi formati basati sulla convenienza base/kg ad un acquisto molto più centrato su prodotti ad alto contenuto di servizio (ad esempio prodotti di IV e V gamma e prodotti ready to cook), qualità e sicurezza alimentare, riducendo di molto gli sprechi soprattutto una volta acquistato e portato a casa il prodotto».

Sulla scia di questo cambiamento Carrefour sta puntando sulle referenze a marchio Filiera Qualità e un’ulteriore area di sviluppo sarà quella dei prodotti biologici e locali: «Carrefour vuole sviluppare delle collaborazioni di lungo periodo con fornitori che vogliono convertire le loro produzioni in biologico o che sono interessati a valorizzare le tipicità regionali». L’insegna ha quindi intenzione di aumentare il parco dei piccoli produttori specializzati e locali: «i criteri prioritari con cui vengono scelti i fornitori sono l’affidabilità qualitativa e la condivisione dei valori che Carrefour ha declinato nella sua carta etica».

Oltre alla qualità del prodotto anche la qualità del servizio è un aspetto su cui Carrefour investe: «oggi è fondamentale avere personale formato per una gestione corretta del prodotto e per supportare il consumatore durante l’acquisto» sottolinea Fumagalli.

 

 

Scrivi un Commento