Pink Lady_top news_1mar-14apr_2024
Politiche agricole

Gelate tardive, l’Emilia-Romagna ci mette 11,5 milioni

Mammi
Avatar
Autore Redazione

Impianti antibrina e attrezzature per la difesa delle coltivazioni: ammessa tutta la graduatoria del bando regionale

Con l’ultimo bando appena chiuso – attraverso il quale sono stati concessi 11,5 milioni, e tutte le aziende in graduatoria sono state ammesse a contributo – ammontano a quasi 24 milioni i finanziamenti messi a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna per i bandi antibrina e per la posa di strumenti meccanici utili a contrastare nelle campagne gli effetti del gelo sulle piante da frutto.

Si tratta di investimenti in difesa attiva, attraverso contributi a fondo perduto per la realizzazione di impianti antibrina e attrezzature per la difesa delle coltivazioni, erogati attraverso tre bandi dal 2020 al 2023.

I fondi provengono dal Piano di sviluppo rurale, nel quale, già a giugno 2020, a seguito dell’aumento del numero medio di gelate primaverili e dell’aggravarsi degli effetti negativi del gelo anomalo sulle produzioni frutticole, la Regione ha proposto l’inserimento del nuovo tipo di operazione per la prevenzione dei danni al potenziale produttivo frutticolo da gelate primaverili.

“Il sistema ortofrutticolo dell’Emilia Romagna – commenta l’assessore regionale all’Agricoltura Alessio Mammi – rischia di uscire seriamente compromesso da tutti gli effetti dei cambiamenti climatici che si sono riversati nelle campagne nel corso del 2023: parliamo di una filiera strategica per il paese, di migliaia di posti di lavoro, della produzione e lavorazione di prodotti italiani, buoni, sicuri e di qualità. Le imprese agricole possono uscire da questa situazione che si profila sempre più complessa, solo se adeguatamente sostenute anche attraverso un piano strategico nazionale per l’ortofrutta”.

Le risorse per il settore dell’ortofrutta

Le imprese agricole del settore frutticolo sono state colpite pesantemente dalle gelate di fine aprile 2023, che si sommano alle gelate degli anni precedenti e agli eventi alluvionali di maggio, e al maltempo di luglio. I raccolti in molte zone dell’Emilia-Romagna hanno subito perdite fino al 90%. In particolare, risultano molto colpite le produzioni di pere, le drupacee e altre specie. Le ingenti perdite di prodotto si registrano nelle province di Ravenna, Ferrara, Rimini, Modena e Reggio Emilia.

Nel 2022 sono stati garantiti, tramite l’Organizzazione comune di mercato, 160 milioni a sostegno dei programmi operativi delle 43 Organizzazioni di produttori, che associano complessivamente oltre 16.100 produttori, di cui 8.200 in Regione e 7.900 localizzati in aree al di fuori dell’Emilia Romagna.

Per il 2023, la ripartizione delle risorse approvate in ambito Ocm è pari a 181 milioni a sostegno dei programmi operativi delle Organizzazioni di produttori e loro associazioni del settore ortofrutticolo.

Fonte: Regione Emilia-Romagna

(Visited 38 times, 1 visits today)