Noberasco_superbanner mobile_19-25feb_2024
Politiche agricole

Piemonte: 95 milioni all’agricoltura per giovani, aziende e prodotti

Avatar
Autore Redazione

Il pacchetto destinato alle nuove generazioni prende il via l’11 dicembre e prevede contributi anche per produrre energia

A copertura dei bandi 2023 del complemento di sviluppo rurale del Piemonte la giunta regionale ha assegnato 45 milioni per l’attivazione del pacchetto giovani che integra la misura sull’insediamento dei giovani agricoltori e la misura sugli investimenti per migliorare la competitività delle aziende; 20 milioni per il miglioramento delle aziende agricole e 30 milioni per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli. Una dotazione finanziaria complessiva di 95 milioni che permette l’apertura dei bandi regionali entro il mese di dicembre.

“Prosegue l’azione della Regione per attrarre i giovani piemontesi in agricoltura e favorire la nascita di nuove imprese con un pacchetto di aiuti importanti destinati ad avviare l’attività e ad investire nell’innovazione aziendale. Anche le imprese della filiera agroindustriale possono contare su un sostegno economico significativo per interventi che migliorano la produttività e rendono più competitivi i nostri prodotti sui mercati”, sottolineano il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e l’assessore regionale all’Agricoltura e cibo, Marco Protopapa.

Al via il pacchetto giovani l’11 dicembre

Dall’11 dicembre 2023 si potranno presentare le domande di contributo per il bando 2023 pacchetto giovani del complemento di sviluppo rurale 2023-2027 del Piemonte, che ha una copertura finanziaria complessiva di 45 milioni.

Risorse anche per la produzione di energia da rinnovabili

Il bando integra la misura  per investimenti per migliorare la competitività sui mercati delle aziende agricole e accrescere la redditività degli stessi e la misura  per l’insediamento iniziale dei giovani agricoltori piemontesi. Tra le attività finanziate anche la produzione di energia rinnovabile in azienda.

Possono partecipare i giovani agricoltori che al momento della presentazione della domanda hanno una età compresa tra 18 anni (compiuti) e 41 anni (non compiuti) e sono già titolari di una azienda agricola.

“Come preannunciato apre il bando dello sviluppo rurale, atteso dal comparto, che ha l’obiettivo di incentivare il ricambio generazionale in agricoltura e offre aiuti concreti ai giovani piemontesi per avviare l’attività e per investire nell’innovazione aziendale. Un’opportunità da cogliere”. Parole  dell’assessore regionale all’Agricoltura e Cibo, Marco Protopapa.

Fonte: Regione Piemonte

(Visited 28 times, 1 visits today)
superbanner