Noberasco_superbanner mobile_19-25feb_2024
Il punto di Fruchthandel

Uscire dalla crisi con il pragmatismo

Michael Schotten: “Dobbiamo capire che la realtà non può e non deve essere guidata da ideologie e sogni a occhi aperti”

Mancano pochi giorni a Natale e al nuovo anno. Un motivo sufficiente per guardare indietro e fare un bilancio. Il numero 48 di Fruchthandel Magazin racchiude una selezione soggettiva, ma rappresentativa, dei temi, delle persone e degli eventi che hanno caratterizzato il settore frutticolo nel 2023. Cosa prevale? Ottimismo o pessimismo?

Nel suo editoriale Michael Schotten non ha dubbi che le sfide siano aumentate ancora una volta in modo significativo. Di conseguenza, difficilmente la valutazione di qualcuno sarà impeccabile, tanto meno del tutto positiva. Il detto “modalità di crisi” non è stata scelta come “parola dell’anno” in Germania. Era sulla bocca di tutti nella maggior parte dei settori dell’economia e della società, compreso il nostro. Ma, ancora più importante del guardare indietro, è guardare avanti.

A che punto siamo prima della fine dell’anno? E dove andremo a finire? Una cosa è indiscutibile: nonostante l’indebolimento dell’inflazione, non siamo ancora vicini al punto in cui vorremmo essere. Vale a dire, dove dobbiamo essere per recuperare le perdite del passato e tornare alle ragioni desiderate per la creazione di valore.

Tuttavia, il sentimento dei consumatori è ancora estremamente altalenante. Si è ripreso solo temporaneamente e, dopo l’estate e l’autunno, ha subito di recente una nuova grave battuta d’arresto. Sono iniziati i mesi più costosi, in particolare quelli ad alta intensità energetica. Questo alimenta ulteriori timori oltre a quelli di lungo periodo. Sembra che anche i dettaglianti di generi alimentari abbiano fatto i conti, per il momento, con gli effetti del “trading down”.

Il nuovo anno non ci risparmierà ulteriori fattori negativi che stanno già avendo un impatto sul clima degli investimenti, aggiunge Schotten. All’inizio di dicembre, l’aumento del pedaggio dei camion ha causato disordini nel settore dei trasporti. Le aziende di trasporto in patria e all’estero temono di dover sostenere i costi aggiuntivi della “sovrattassa CO2del governo tedesco e che la loro situazione economica si deteriori ulteriormente. Il pericolo è tanto più reale in quanto non solo i costi stanno aumentando, ma anche il numero di veicoli soggetti al pedaggio. In futuro, anche i veicoli più piccoli che prima erano risparmiati rientreranno nella categoria di pedaggio immediatamente superiore e quindi più costosa. Ciò sarà particolarmente evidente nel traffico regionale di consegna.

La modifica del Regolamento Ue sugli imballaggi continua a essere una grande fonte di incertezza per il settore. Nessuno si opporrà alla riduzione dei rifiuti di imballaggio laddove sia possibile ridurli in modo ragionevole. Tuttavia, una condanna e un divieto generalizzato della plastica equivarrebbe praticamente a un divieto di coltivazione di alcune colture ortofrutticole, avvertono le associazioni dei coltivatori. Inoltre, il bilancio dei rifiuti alimentari probabilmente peggiorerebbe in modo significativo. Ma quale metro di misura si dovrebbe usare? Possiamo solo sperare che il pragmatismo prevalga anche in questo caso, come quando il Parlamento europeo ha recentemente respinto il progetto Sur.

Abbiamo bisogno di un pragmatismo che riconosca che la realtà moderata non deve essere guidata da ideologie e sogni a occhi aperti. Se questo modo di pensare diventasse più diffuso in politica, si potrebbe evitare gran parte dell’incertezza che prevale attualmente. Lo speriamo e restiamo fiduciosi. Perché vogliamo finalmente uscire da uno scenario di crisi che dura ormai da troppo tempo.

Fonte: Fruchthandel Magazin

(Visited 84 times, 1 visits today)
superbanner