webinar_pomodori_topnews_27/06-04/07
Aziende

La Commissione italiana uva da tavola entra in Cso Italy

Avatar
Autore Redazione

Del Core: “Questa partnership ci permetterà di aumentare la rappresentatività del comparto”

E’ stata siglata a gennaio 2022 la partnership tra Cso Italy e Cut (Commissione italiana uva da tavola), associazione costituita da aziende agricole, operatori commerciali, consulenti, tecnici, agronomi e aziende dell’indotto attive nei principali areali produttivi dell’uva in Italia (Puglia, Sicilia, Basilicata), con lo scopo di consolidare le sinergie tra il Cso Italy e una tra le più importanti filiere produttive nazionali.

L’ingresso della Cut nel Centro servizi testimonia inoltre l’attenzione sempre maggiore che Cso Italy pone nei confronti delle realtà del Sud Italia, considerandolo il territorio per vocazione e know-how maggiormente significativo per il presente e il futuro dell’ortofrutta nazionale e rafforza la rappresentanza politico-istituzionale del comparto dell’uva da tavola rispetto ai tavoli aperti su cui Cso Italy è deputato a intervenire a sostegno e tutela delle istanze del settore.

Molto soddisfatto, a nome di tutte le aziende socie della Cut, il presidente Massimiliano Del Core, che spiega: “E’ più che mai necessario a nostro avviso che, all’interno del contesto attuale, la filiera dell’uva da tavola si muova secondo logiche aggregate e, con questo spirito, la nostra partecipazione al Cso renderà possibile aumentare la rappresentatività del comparto, sviluppare meglio l’azione di lobby e contare sulle grandi competenze dei professionisti che da anni lavorano al servizio dell’ortofrutta italiana per analizzare ed interpretare dati statistici utili all’attività di promozione e programmazione di cui le nostre aziende hanno oggi più che mai necessità”.

“Senza trascurare – continua Del Core – il supporto che Cso saprà fornire rispetto a uno dei nostri obiettivi principali, l’impostazione del catasto varietale dell’uva da tavola, nonché nell’ambito dell’attività che svolge in seno ai tavoli dei dossier fitosanitari, lavorando per aprire nuovi mercati per la nostra produzione, così da riposizionare il nostro comparto nello scenario nazionale ed internazionale e recuperare le quote di mercato perse a favore di ns. paesi competitor, incrementando gli sbocchi commerciali esteri per il prossimo futuro”.

“Per noi è motivo di soddisfazione annoverare tra i nostri associati una realtà rappresentativa come quella della Cut – dichiara Paolo Bruni, presidente di Cso Italy – perché ci offre la possibilità di approfondire gli aspetti di un’importante filiera come quella dell’uva da tavola e consolidare ulteriormente la nostra presenza nelle regioni del Sud Italia, sempre più strategiche per l’ortofrutta italiana”.

Fonte: Cso Italy

(Visited 54 times, 1 visits today)